FOTO | ‘Artena sta con Willy’, oltre 3mila in corteo e un murale per Monteiro

Fiaccolata nel borgo da cui provengono i 4 indagati per l'omicidio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ARTENA (RM) – Alla spalle dell’ex Granaio Borghese, sede del Consiglio comunale di Artena, una fila di luci disegna il nome di Willy. In piazza Valle Fini, poco dietro, gli scout del borgo in provincia di Roma impugnano uno striscione. Recita: ‘Artena sta con Willy‘. Quello dell’Ente Palio Artena: ‘No violenza, stop razzismo’. Una presa di posizione netta e inequivocabile della città da cui provengono i quattro indagati del feroce assassinio di Willy Monteiro Duarte, pestato a morte a Colleferro nella notte tra il 5 e il 6 settembre.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Colleferro: “Una piazza bianca per i giovani dove è stato ucciso Willy”

FOTO | A Colleferro fiaccolata per Willy: in migliaia lungo le strade

VIDEO | Colleferro, Black Lives Matter-Usa per Willy: “Basta odio”

Sopra i volti in mascherina dei ragazzi in maglietta bianca, tra le mani di uno degli amici di Willy, svetta la foto del 21enne di Paliano, elegante, in giacca e papillon, che l’Italia ha imparato a conoscere assieme al suo sorriso. Accanto alla testa della fiaccolata, organizzata dalla comunità di Artena dopo quelle partecipatissime di Paliano e Colleferro, gli occhi sofferenti di mamma Lucia, quelli di Milena, la sorella, e di Armando, il papà. A guardarla questa piazza, vuota di macchine e gremita di luci, il pensiero che la ferita causata da quella notte di violenza ancora sanguini diventa certezza.

Intorno alle 20.30 parte silenzioso un fiume umano di oltre 3mila persone. Percorre un reticolo di strade attorno alla scuole elementari nella parte nuova della città, guidato dal sindaco Felicetto Angelini, e qualche passo più indietro dai primi cittadini di Paliano e Colleferro. Un territorio compatto che sfila ai piedi del borgo vecchio per arrivare in via Guglielmo Marconi. Lì, sotto a un grande tricolore, il sindaco Angelini e don Antonio Galati, il parroco del paese, svelano il murales realizzato in appena cinque giorni e donato alla città da Alex Fenn, artista 19enne della vicina Palestrina. ‘Il vero guerriero non usa la forza ma il coraggio’ si legge sotto il volto di Willy ritratto sullo sfondo di un leone con le bandiere di Artena e di Capoverde, dove erano le radici della sua famiglia.

Un pensiero sulla pace apre gli interventi al piazzale delle scuole medie, dietro l’angolo. Andrea Corsetti, dell’associazione Live Artena, abbraccia con le parole gli amici di Willy. “Dobbiamo tornare a stare e a fare le cose insieme- dice- a guardarci, a porci problemi comuni, a farci scudo con i nostri corpi e i nostri pensieri contro la prepotenza, la sopraffazione, la violenza. Perché ci sia meno solitudine, meno disorientamento, meno spazio per le zone d’ombra, perché ci sia più luce. Che sia questa la nostra nuova frontiera- chiude- che quelli di Willy siano tutti gli occhi che abbiamo aperto una volta per tutte”. Don Antonio Galati richiama “all’ascolto e a vivere la comunità, cercando sempre di cambiare se stessi per il bene comune”. “Fino al 6 settembre Willy era loro figlio- dice il sindaco Angelini rivolgendosi ai genitori del ragazzo ai quali regala la stampa di un pensiero dell’associazione del centro storico Balconi Fioriti- Oggi Willy è figlio di tutti quanti noi, certamente è figlio e fratello di Artena come comunità”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

25 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»