Lavoro, Istat: a maggio disoccupazione cala al 9,9%. Di Maio esulta: “Smentiti i chiacchieroni”

Su base annua, l'occupazione risulta in crescita (+92 mila unità). Di Maio: "Il tasso di disoccupazione è il più basso dal 2012"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A maggio, i dati provvisori diffusi dall’Istat, registrano che il tasso di disoccupazione è calato al 9,9% (-0,2 punti percentuali). Per quanto riguarda quella giovanile (15-24enni), il tasso scende al 30,5%, in calo di 0,7 punti rispetto al mese precedente. 

DI MAIO: SMENTITI CHIACCHIERONI, OGGI È UNA BELLA GIORNATA

“Le notizie che leggiamo questa mattina ci dicono che quella di oggi è davvero una bella giornata. Dopo esser stato attaccato per mesi dai partiti d’opposizione (e dai loro media di riferimento) che me ne hanno dette di tutti i colori, ridicolizzando il decreto dignità (dicevano che non sarebbe servito a nulla!), ancora una volta sono felice di smentire questi chiacchieroni con i fatti. Sapete cosa dicono i dati istat di questa mattina? Che la disoccupazione è in calo, parliamo del dato più basso dal 2012, mentre aumentano gli occupati, il dato massimo dal 1977″. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio, vicepremier e ministro.

TRA MARZO E MAGGIO +125 MILA POSTI DI LAVORO

Nel trimestre marzo-maggio 2019 l’occupazione registra una crescita rilevante rispetto ai tre mesi precedenti (+0,5%, pari a +125 mila), verificata per entrambi i generi. Nello stesso periodo aumentano sia gli indipendenti (+0,5%, +27 mila) sia i dipendenti permanenti (+0,6%, +96 mila) sia, in misura lieve, quelli a termine; per tutte le classi di età si registrano segnali positivi ad eccezione dei 35-49enni.

+ 92 MILA OCCUPATI RISPETTO ALL’ANNO SCORSO

Anche su base annua a maggio l’occupazione risulta in crescita (+0,4%, pari a +92 mila unità): l’espansione riguarda entrambe le componenti di genere, i 15-24enni (+43 mila) e soprattutto gli ultracinquantenni (+300 mila) mentre risultano in calo le fasce di età centrali. Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. La crescita nell’anno si distribuisce tra dipendenti permanenti (+63 mila), a termine (+18 mila) e indipendenti (+12 mila).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»