Governo, Di Maio: “Ecco squadra ministri, che spettacolo”

I ministri sono arrivati al Colle tutti insieme a bordo di un taxi van
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Guardate che spettacolo! Questa è la squadra dei ministri del Movimento 5 Stelle. Siamo tantissimi e pronti a far partire il governo del cambiamento e a migliorare la qualità della vita di tutti gli italiani”. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio, leader M5s.

“I ministri- aggiunge- sono o nostri parlamentari e esponenti storici (Giulia Grillo alla Salute, Danilo Toninelli alle Infrastrutture, Alfonso Bonafede alla Giustizia, Riccardo Fraccaro ai Rapporti con il Parlamento e alla democrazia diretta, Barbara Lezzi al Sud), oppure fanno parte della squadra di ministri che avevo presentato in campagna elettorale (Elisabetta Trenta alla Difesa che è stata anche nostra candidata, il generale Sergio Costa all’Ambiente, Alberto Bonisoli alla Cultura). Infine io che mi occuperò dello Sviluppo Economico e del Lavoro. Siamo la squadra del Movimento 5 Stelle nel governo del cambiamento e siamo al vostro servizio! Ci vediamo domani alle 19 a Roma in piazza della Bocca della verità per festeggiare tutti insieme!”.

I MINISTRI ARRIVANO INSIEME AL COLLE IN TAXI VAN

Un taxi van per l’arrivo dei ministri Cinque stelle al Quirinale. A guidare la comitiva Luigi Di Maio. Applausi da alcuni simpatizzanti, ricambiati dai pentastellati.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»