Imprese, Confcommercio Roma e Lazio commissariate - DIRE.it

Lazio

Imprese, Confcommercio Roma e Lazio commissariate

impresa

ROMA – La Confederazione nazionale ha deciso il commissariamento della Confcommercio di Roma e del Lazio. Lo annuncia in una nota la stessa Confcommercio nazionale che ha designato commissario il vicepresidente di Confcommercio e presidente di Fedarazione Moda Italia, Renato Borghi. Sub commissario e” il direttore generale di Confcommercio, Francesco Rivolta.

“Confcommercio- si legge nella nota- da anni ha avviato un percorso di riorganizzazione delle associazioni territoriali e di categoria con l”obiettivo imprescindibile e ambizioso di rendere il proprio sistema piu” moderno e soprattutto piu” vicino alle imprese. Questo obiettivo, coerente con il nuovo statuto e con il bilancio sociale, impone progetti, rendicontazione e trasparenza nella gestione sia delle politiche organizzative che delle risorse. Il ruolo del terziario, che e” cresciuto negli ultimi anni, diventa, quindi, centrale nel tessuto produttivo di una citta” come Roma che ha nelle attivita” del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti la parte piu” rilevante della propria economia. Proprio per questo motivo la Confcommercio nazionale ha deciso di mettere in campo tutti gli strumenti necessari per rafforzare e consolidare la Confcommercio di Roma”.

Le ragioni dell”intervento della Confederazione sono, dunque, “sostanzialmente due: da un lato- prosegue il comunicato- continuare nel processo di risanamento della situazione economica e organizzativa e, dall”altro, segnare un”inevitabile discontinuita” rispetto alle gestioni precedenti. Questo per proseguire nell”assistenza e nella tutela dei soci della Confcommercio Roma, per valorizzare il ruolo delle imprese del territorio e per la tutela dei propri dipendenti. Un impegno diretto, dunque, della Confederazione nazionale con un commissariamento della Confcommercio di Roma e del Lazio in un contesto che per sua natura richiede un”attenzione e una responsabilita” senza precedenti”.

28 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»