Elezioni, a Roma al via comizi di chiusura campagna: ecco le piazze

ROMA – Dalle 19 di oggi, mercoledì 28 febbraio, alle 23 di domenica 4 marzo sono consentite, all’interno di una vasta area del centro storico di Roma denominata ‘Green zone’, soltanto manifestazioni di tipo elettorale, come quelle di seguito elencate, regolarmente preavvisate:

Partito Comunista – dalle 16 alle 20.30 dell’1 marzo in largo Spartaco, area pedonale;
Potere al Popolo – dalle 18 alle 23.30 dell’1 marzo in piazza Mastai, area pedonale; dalle 15 alle 22 del 2 marzo in largo Agosta, area pedonale;
Casapound Italia – dalle 17 alle 20 dell’1 marzo in piazza della Rotonda, area pedonale;
Fratelli d’Italia – dalle 18.30 alle 22.30 dell’1 marzo in piazza Gimma, area pedonale;
Movimento 5 Stelle – dalle 17 alle 22.30 del 2 marzo in piazza del Popolo, area pedonale;
Lista Civica Energia per l’Italia Parisi presidente – dalle 19 alle 24 del 2 marzo in piazza della Rotonda, area pedonale;
Partito democratico – dalle 17 alle 19.30 del 2 marzo in piazza Mastai, area pedonale.

Infatti, le esigenze di prevenzione a carattere generale legate all’appuntamento elettorale, nonché quelle relative all’ordine pubblico e alla persistente minaccia terroristica, non consentono lo svolgersi di iniziative di altra natura all’interno dell’area suddetta, così delimitata: piazza della Repubblica- via Nazionale – largo Magnanapoli – via IV Novembre-piazza Venezia – piazza Madonna di Loreto – piazza San Marco – via del Plebiscito – largo di Torre Argentina – Corso Vittorio Emanuele – piazza Pasquale Paoli – lungotevere Tor di Nona – lungotevere Marzio – lungotevere in Augusta – via Luisa di Savoia – piazzale Flaminio – via del Muro Torto – piazzale Brasile – via Vittorio Veneto – via Leonida Bissolati – piazza San Bernardo – via Vittorio Emanuele Orlando – piazza della Repubblica.

Eventuali ulteriori manifestazioni potranno svolgersi in piazze e località situate al di fuori della ‘Green zone’ (esempio piazza Vittorio, piazza Bocca della Verità, Largo Corrado Ricci).

28 Febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»