Conte: “Dialogo con Ue indispensabile, no a scontro ideologico”

Di ritorno da Bruxelles, il premier assicura di aver percepito "attenzione per la strada di crescita che l’Italia ha deciso di intraprendere" da parte dei leader europei

Condividi l’articolo:

ROMA – “Questa mattina, a margine del Consiglio europeo, ho avuto l’occasione di un confronto di questi temi anche con vari leader europei. Il dialogo con l’Europa continua, dialogo indispensabile per arrivare a soluzioni che siano soddisfacenti per tutti, Italia in primis. Ho spiegato ai nostri interlocutori che non intendiamo avviare uno scontro ideologico ma, molto più pragmaticamente, stiamo lavorando per garantire un presente e un futuro migliore agli italiani. Ce la stiamo mettendo tutta per cambiare questo Paese”. Così il premier Giuseppe Conte ieri in un post su Facebook.

“Sono da poco rientrato a Roma, dopo due intensi giorni trascorsi a Bruxelles. Ieri sera ho avuto una cena di lavoro con i vertici della Commissione europea, in un clima sereno e costruttivo”, continua. “Nonostante le idee differenti sulle ricette di politica economica da applicare, ho constatato che c’è attenzione per la strada di crescita che l’Italia ha deciso di intraprendere. Al presidente Juncker ho detto che la nostra manovra economica è solida, ben strutturata e gli ho illustrato, punto per punto, il dossier con il piano dettagliato delle nostre riforme, quelle che abbiamo già realizzato in soli 5 mesi di governo e quelle che realizzeremo nelle prossime settimane. Abbiamo parlato del nostro piano per le infrastrutture materiali e immateriali e del corposo piano di investimenti che vogliamo accelerare. Ho menzionato anche il Piano nazionale per la sicurezza del nostro territorio che sarà pronto nei prossimi giorni. Sono misure che porteremo avanti con convinzione, perché sono il mezzo per garantire crescita economica e sociale al nostro Paese. Misure qualificanti, alle quali non possiamo rinunciare”, conclude.

Leggi anche:

26 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»