TG-Riabilitazione

Camerota (Umberto I): Con 3 sedute di vibrazioni focali miglioramenti tangibili; Nasce I-Spk per far comunicare chi non parla

CAMEROTA (UMBERTO I): CON TRE SEDUTE DI VIBRAZIONI FOCALI MIGLIORAMENTI TANGIBILI

Restituire movimento e sensibilita’ agli arti di pazienti affetti da paralisi temporanee o malattie neurogenerative con una cura a base di vibrazioni. Lo permette la tecnica della Vibrazione meccanica focale, le cui applicazioni terapeutiche sono oggetto di studio sin dalla seconda meta’ dell’Ottocento, e che oggi rappresenta un riferimento nelle terapie riabilitative di malati e anziani. Per capire l’evoluzione di questo metodo, la Dire ha intervistato il professor Filippo Camerota, fisiatra del Policlinico Umberto I di Roma.

AL S. FRANCESCO BARGA DUE NUOVI MACCHINARI PER CORREGGERE PASSI

Le novità del reparto di Riabilitazione dell’Ospedale San Francesco di Barga, in provincia di Lucca, si chiamano ‘Motore’ e Walker View’ . La prima è per la riabilitazione dell’arto superiore e la misura dei parametri spaziali relativi e la seconda è usata per l’analisi del cammino e la correzione di deficit della deambulazione. Attraverso una pedana, che serve all’analisi del cammino grazie a decine di sensori e videocamere, è possibile rilevare informazioni posturali e neurologiche. Entrambi i dispositivi consentono di intervenire in una vera e propria attività riabilitativa, correggendo il passo, l’andatura o educando a superare gli errori e le criticità.

GIMIGLIANO NUOVA VICEPRESIDENTE SOCIETA’ MONDIALE MEDICI FISIATRI

È Francesca Gimigliano la nuova vice presidente di Isprm, la Società mondiale dei medici fisiatri. La docente universitaria campana è stata eletta nel corso del dodicesimo congresso della Isprm che si è svolto a Parigi nel corso dell’assemblea dei delegati delle società scientifiche delle varie nazioni affiliate. Gimigliano insegna Medicina Fisica e Riabilitazione presso l’Universita’ degli studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ e in varie Scuole di Specializzazione. Il suo campo di ricerca principale e’ la riabilitazione delle alterazioni muscoloscheletriche del paziente anziano.

NASCE I-SPK PER FAR COMUNICARE CHI NON PARLA

Autismo, sindrome di Down, AngelMan, Cri Du Chat, West, Coffin Siris, Landau-Kleffner, cosa hanno in comune tali patologie? L’assenza del linguaggio parlato. Per superare questo ostacolo è stato sperimentato il protocollo psico-linguistico I-SPK utilizzato per la riabilitazione del linguaggio del bambino affetto da disabilita’ fisica e psichica. Questo metodo utilizza la Lingua dei Segni italiana (LIS), che consente al bambino di migliorare diverse funzioni esecutive, cognitive, motorie e psichiche. Dopo una fase di ricerca, su studi nazionali ed internazionali, l’equipe di I-SPK ha redatto un protocollo. In Italia sono davvero poche le esperienze similari, mentre nella vicina Inghilterra si avvale di questo metodo circa un milione di utenti.

SANITÀ. VENETO PREPARA ASSISTENZA POPOLAZIONE SEMPRE PIÙ ANZIANA

Il 72% delle persone ospedalizzate in Veneto è un paziente cronico destabilizzato e non un acuto. Per questo la rete ospedaliera sarà incrementata pur mantenendo il modello hub and spoke con tre posti letto per mille abitanti per gli acuti e i 0,7 posti letto per mille abitanti dedicati alla riabilitazione. Anche i pronto soccorso potranno inviare i pazienti nelle strutture intermedie e sara’ introdotta l’Obe, l’Osservazione breve estensiva, che permetterà di tenere in carico i pazienti che non hanno più bisogno di cure ospedaliere ma che si preferisce non dimettere. Mentre per la cura dei pazienti cronici saranno attivi dei team multiprofessionali di assistenza primaria.

25 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»