Tra scienza e religione, al Maxxi incontro Battiston-Ravasi

ROMA –  Due punti di vista diversi, non opposti ma “complementari“. Da un lato il presidente dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) Roberto Battiston, dall’altra il cardinale Gianfranco Ravasi: saranno loro a confrontarsi  all’Auditorium del Maxxi giovedì 22 marzo alle 18. L’occasione è l’incontro ‘Scienza e Religione: Frammenti di verità’, il quale fa parte del programma per approfondire i temi della mostra Gravity. A moderare Vincenzo Napolano, comunicatore scientifico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e co-curatore della mostra. L’ ingresso è gratuito fino a esaurimento posti grazie al main partner Enel.

I PROTAGONISTI

Il Presidente dell’Asi Roberto Battiston, fisico sperimentale, specializzato nel campo della fisica fondamentale delle particelle elementari e il Cardinale Gianfranco Ravasi, una delle maggiori figure del pensiero religioso contemporaneo, si interrogheranno sui temi delle rivoluzionarie scoperte della scienza, su come queste abbiano influito sul pensiero umano, sul rapporto tra scienza e fede che devono “incrociare gli sguardi”. Perché, ha detto Ravasi: “La ricerca è umiltà, è consapevolezza che la verità è più grande; il grande scienziato e il grande teologo non è colui che dà tutte le risposte, ma colui che pone sempre le vere domande, le domande necessarie”.

I PROSSIMI INCONTRI

Il programma di incontri, tutti a ingresso libero grazie a Enel, prosegue con l’astronauta Samantha Cristoforetti​ e l’ingegnere aerospaziale Amalia Ercoli Finzi, artefice della missione Rosetta, prima donna italiana a laurearsi in ingegneria spaziale (10 aprile), l’artista Laurent Grasso e il neurobiologo britannico Semir Zeki (27 aprile).
20 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»