Francia, Salvini: “Non accettiamo scuse, andremo fino in fondo”

ROMA – “Abbandonare degli immigrati in un bosco italiano non può essere considerato un errore o un incidente. Quanto successo a Claviere è un’offesa senza precedenti nei confronti del nostro Paese, e mi chiedo se gli organismi internazionali, a partire dall’Onu fino all’Europa, non trovino ‘vomitevole’ lasciare delle persone in una zona isolata, senza assistenza e senza segnalazioni”. Lo scrive su facebook Matteo Salvin’, ministro dell’Interno.

Leggi anche: Migranti scaricati al confine da gendarmerie, Salvini vuole chiarimenti dalla Francia

Poi Salvini si domanda: “Chi erano questi immigrati? Da dove venivano? Perché sono stati abbandonati? E ancora: per la civile Parigi è normale scaricare delle persone nei boschi? Perché i francesi parlano di ‘gendarmi che non conoscevano la strada’, se poi il furgone è rientrato nel proprio paese a gran velocità e senza esitazioni? Andremo fino in fondo. Siamo di fronte a una vergogna internazionale, e il signor Macron non può far finta di nulla. Non accettiamo le scuse”.

E su twitter Matteo Salvini ribadisce: “Altro Abbandonare immigrati in un bosco italiano non può essere considerato un errore. Quanto successo a Claviere è un’offesa senza precedenti nei confronti del nostro Paese. È una vergogna internazionale, e il signor Macron non può far finta di nulla. Non accettiamo le scuse”.

Leggi anche:

16 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»