Desiree, cade l’accusa di omicidio per due dei quattro fermati

Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Roma accogliendo le istanze delle difesa

Condividi l’articolo:

ROMA – Cade l’accusa di omicidio per Chima Alinno e Brian Minthe, due dei quattro africani fermati per la morte di Desiree Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita in uno stabile in via dei Lucani nel quartiere San Lorenzo, la notte tra il 18 e il 19 ottobre.

La decisione è stata presa dal tribunale del Riesame di Roma che ha accolto le istanze delle difesa e ha anche derubricato l’accusa di violenza sessuale di gruppo in abuso sessuale aggravato dalla minore età della vittima. I due restano comunque in carcere.

Leggi anche:

13 Nov 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»