Chiusa l’inchiesta sulla morte di Desirée Mariottini: in sette rischiano il processo

La sedicenne venne trovata cadavere all'alba dello scorso 19 ottobre dentro un palazzo abbandonato nel quartiere romano di San Lorenzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sette persone rischiano il processo per la morte della 16enne di Cisterna di Latina, Desirée Mariottini, trovata cadavere all’alba dello scorso 19 ottobre dentro un palazzo abbandonato nel quartiere romano di San Lorenzo.

Il procuratore aggiunto, Maria Monteleone, e il pm, Stefano Pizza, hanno chiuso le indagini e contestato l’accusa di violenza sessuale al nigeriano Alinno Chima, a Mamadou Gara, detto Paco (il cui Dna è stato trovato sul corpo, sotto le unghie e sui vestiti della ragazza), al ghanese, Yusef Salia, e al senegalese, Brian Minthe.

Agli indagati è contestata anche la cessione e somministrazione di droga a minori, e a Gara anche la cessione di droga alla vittima e la prostituzione minorile per fatti precedenti alla morte della 16enne.

Nei confronti dei pusher Marco Mancini e Antonella Fauntleroy è stata ipotizzata dagli inquirenti la cessione di droga a Desirée, infine Alexander Asumado è accusata di cessione di sostanze stupefacenti ad altre persone, sempre all’interno dello stabile di San Lorenzo.

LEGGI ANCHE Roma, la politica invoca “blindati” e “rastrellamenti” a San Lorenzo dopo l’omicidio di Desirée

Omicidio Desirée, l’avvocato del padre: “Ma quale boss della droga, è distrutto dal dolore”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»