Strasburgo, Procura: sospetto attentatore già condannato 27 volte

Chérif Chekatt ha 29 anni e prima di aprire il fuoco avrebbe gridato 'Allah akbar'. È schedato con il "fichè S" in quanto "radicalizzato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presunto attentatore di Strasburgo era stato condannato già 27 volte per reati commessi in Francia, Germania e Svizzera: lo ha riferito oggi il procuratore di Parigi Remy Heitz, nel corso di una conferenza stampa all’indomani della sparatoria al mercatino di Natale.

Secondo gli inquirenti, il sospetto è stato identificato come Chérif Chekatt, 29 anni, già segnalato con il “fichè S” per “radicalizzazione“. Heitz ha detto che testimoni hanno udito l’attentatore urlare “Allah akbar” mentre faceva fuoco. Perquisizioni dei luoghi frequentati dal sospetto sarebbero in corso.

LEGGI ANCHE: Francia, spari nel mercatino di Natale a Strasburgo: morti e feriti

La caccia all’uomo continua da ieri sera, mentre gli ultimi aggiornamenti indicano che a perdere la vita sono state almeno tre persone. Altre 12 sono rimaste ferite. In gravi condizioni anche un italiano, Antonio Megalizzi, 28 anni, originario di Rovereto. Lavora per Europhonica, un progetto radio legato al mondo universitario.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»