Sanità

Festa della mamma, ipervigili con figli neonati o adulti… ma attenzione allo stress

ROMA – La mamma è sempre la mamma. E non importa che il figlio sia appena nato, sia adolescente o già un adulto: tutte sono continuamente esposte ad innumerevoli fonti di stress. Niente paura quindi se ci si riconosce tra le mamme ‘ipervigili’ o tra le mamme che soffrono di ‘ansia d’abbandono’ o di ‘sindrome del nido vuoto’. Mantenere un equilibrio tra le diverse sfere della vita è difficile per chiunque, figurarsi per una mamma che spesso antepone la salute e il benessere del figlio innanzi a ogni cosa. “Essere mamma è un lavoro a tempo pieno di grande importanza e molto impegnativo- spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell’Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico e Direttore Scientifico di Bioequilibrium- Qualunque sia l’età dei bambini, lo stress è sempre in agguato. La gravidanza e il post-partum, l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta sono tutti momenti critici. Ma la bellezza dell’essere mamma non risiede solo nel dare, bisogna anche imparare a ricevere dal mondo, dai figli e dal partner. E’ proprio quando l’essere madre viene percepito come marchio di privazioni e rinunce che arrivano i problemi”.

Alcuni consigli per gestire con maggiore serenità le diverse fasi dell’essere mamma

“Le mamme in attesa- afferma l’esperta- sono altamente vulnerabili. Riuscire a vivere serenamente la gravidanza, senza essere continuamente in ansia per la salute del piccolo, lo aiuterà a crescere nel modo migliore. Con l’infanzia la madre invece sperimenta il suo essere indispensabile: ciò potrebbe generare un eccessivo carico di responsabilità e alti livelli di stress. È in questo momento che la madre dovrà iniziare a pensare di allontanarsi. Una madre che insegna al proprio bambino a saper fare a meno di lei saprà fare a meno del proprio bambino e sarà in grado di accompagnarlo nel suo ingresso al mondo”.

E’ però l’adolescenza a mettere più a dura prova figli e genitori. “I ragazzi hanno bisogno del loro spazio di esplorazione e la mamma fatica nel lasciare la possibilità di sbagliare. L’ambiente familiare deve essere accogliente e non giudicante. Il compito è dare al figlio gli strumenti morali e pratici per affermarsi nel suo tempo imparando dai suoi errori. Infine- osserva Vinciguerra- altro momento delicato è quando i figli sono grandi per andare a vivere da soli. Le madri devono essere in grado di affrontare un presunto abbandono. La ‘sindrome del nido vuoto’ può essere normale e fisiologica, ma se gli stati depressivi sono permanenti o troppo intensi bisogna intervenire”.

A prescindere dall’età del figlio, però, ogni mamma presenta delle peculiarità: “Ci sono mamme ipervigili, onnipresenti, che si attivano al minimo sussulto del proprio figlio e vivono la maternità in un costante stato di allarme ed ansia. Temono continuamente per l’incolumità del proprio figlio e gli lasciano poco margine nell’esplorazione. Poi ci sono le mamme al 100%, che hanno dedicato la loro intera vita a tirare su i loro figli, soffrono di ansia da separazione e tendono ad invadere gli spazi che i figli si sono faticosamente guadagnati. Le mamme bilanciate sono invece quelle in grado di percepire e soddisfare anche i loro bisogni, pur mettendo sempre al primo i figli”, spiega Eleonora Iacobelli, psicologa, vicepresidentre Eurodap e responsabile trainer Bioequilibrium.

Leggi anche

A Roma un asilo ‘stoppa’ festa di mamma e papà. Monta la polemica

 

Ti potrebbe interessare:

11 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»