Ancona, Conte: “Venduti 1400 biglietti, in discoteca aperta solo una sala da 469”

La capienza della discoteca sulla carta è di 870 persone, ha spiegato il Questore. Il premier Conte spiega che ieri sera risulta fosse aperta solo una delle tre sale del locale.

ROMA – “Da un primo accertamento a caldo risultano venduti 1.400 biglietti. Ma anche che era aperta una sola sala sulle tre della discoteca, con una capienza di 469 persone. Con i numeri non ci siamo”. Lo dice il premier Giuseppe Conte uscendo dal vertice in prefettura ad Ancona sulla tragedia di Corinaldo.

“LOCALI RISPETTINO CONDIZIONI SICUREZZA”

“Non sto accusando nessuno, rivolgo un appello al senso di responsabilità di tutti coloro che gestiscono luoghi pubblici destinati all’accoglienza anche di tante persone: adottate tutte le cautele con grande senso di responsabilità, accertate tutte le condizioni di sicurezza, rispettatele, tutto per prevenire tragedie del genere. Episodi del genere non devono ripetersi“. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ad Ancona.

QUESTORE: IN CORSO VERIFICHE SU CAPIENZA, ACQUISITI FILMATI CELLULARI

“Abbiamo acquisito gli atti e tutta quanta la documentazione amministrativa per quanto concerne il rilascio della licenza e quindi la capienza del locale. Stiamo facendo una verifica con i vigili del fuoco, che sono stati delegati, per vedere la condizione dentro del locale e per capire quale fosse la capienza al momento in cui è avvenuta la tragedia. La capienza sulla carta è di 870 persone“. Lo dice ai microfoni di Sky tg24 il questore di Ancona Oreste Capocasa, che si è recato sul posto, ossia la discoteca ”Lanterna azzurra” a Corinaldo, in Provincia di Ancona.

Il questore aggiunge che “sono già acquisiti” e quindi “sono agli atti dell’inchiesta” i filmati sui cellulari dei ragazzi girati nella discoteca che potranno essere utili alle indagini per cercare di capire le dinamiche della tragedia.

Leggi anche:

8 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»