Modena, trovano motosega e distruggono i giochi del parco. Denunciati 3 ragazzini-vandali - DIRE.it

Emilia Romagna

Modena, trovano motosega e distruggono i giochi del parco. Denunciati 3 ragazzini-vandali

MODENA – Hanno trovato una motosega nascosta in un cespuglio e, forse pensando di fare una bravata (o forse per fare colpo sulle ragazze), si sono ingegnati per accenderla e poi l’hanno usata contro i giochi del parco pubblico. Hanno tagliato un palo dell’altalena e danneggiato la pedana in gomma su cui sono collocati i giochi e anche una panchina nelle vicinanze. I protagonisti di questa brutta storia di vandalismo sono sei giovani (quattro ragazzi e due ragazze) che frequentano le scuole superiori. Teatro dell’azione,  sabato 27 maggio, è stato il parchetto pubblico tra le vie Tenco e Leopardi, a Modena. A dare l’allarme è stato un cittadino che ha chiamato la Polizia municipale, mentre i ragazzi sono fuggiti abbandonando la motosega. Nei giorni scorsi, grazie ad un accurato lavoro di indagine e alla collaborazione dei residenti, i giovani sono stati individuati e la Polizia giudiziaria è riuscita a risalire agli autori dei danneggiamenti e a contattare le famiglie.
Uno alla volta, tutti i ragazzi si sono presentati al Comando di via Galilei accompagnati dai genitori, tutti molto arrabbiati per quanto fatto dai figli. I ragazzi hanno rilasciato dichiarazioni spontanee su quanto avvenuto e tre di loro, tutti minorenni tra i 16 e i 17 anni, sono stati denunciati all’Autorità giudiziaria per il reato di danneggiamento aggravato al patrimonio pubblico. Sono tutti incensurati e si sono detti disponibili a risarcire il danno. Resta da capire chi possa aver abbandonato nel parco la motosega ora sotto sequestro; il codice di riferimento dello strumento risulta abraso, quindi non si è potuti risalire al proprietario attraverso il produttore, né risulta oggetto di denuncia di furto, anche se non si esclude che possa essere rubata.
6 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»