Giulia Sarti non molla: “Non lascio il M5s”

La deputata grillina, già dimissionaria dalla presidenza della Commissione Giustizia, è stata travolta dallo scandalo Rimborsopoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Anche oggi continuano le menzogne. Vi prego smettetela. Io non sono in lite con i vertici del Movimento e ho solo detto, mentre ero rincorsa dai giornalisti che mi chiedevano con insistenza ‘Ti dimetti?’, che finché c’è il procedimento in corso con i probiviri non me ne vado da nessuna parte perché avevo già dimostrato un anno fa di non aver intascato un centesimo e quindi non ho mai danneggiato l’immagine del Movimento cui appartengo da 12 anni”. Lo scrive su facebook la deputata M5s Giulia Sarti.

LEGGI ANCHE Caso Sarti, Di Maio: “Espulsione doverosa”. Casalino: “Si è coperta dietro il mio nome”. Il Pd chiede a Conte di intervenire

Anzi, aggiunge, “ho restituito più di 170.000 euro, tutti certificati e verificabili sulla nostra piattaforma di rendicontazione. Se il Movimento, dopo aver letto tutte le memorie e i riscontri con le evidenze bancarie che invierò, riterrà di dovermi espellere senza motivo, tutti saranno informati su quella che sarà la mia decisione”.

LEGGI ANCHE Rimborsopoli, Giulia Sarti lascia la presidenza della commissione Giustizia. Fico: “Sostituirla in fretta”

“Fino a quel momento- sottolinea-, io non abbandono il Movimento in cui credo e per cui ho dato tutta la mia vita in questi 12 anni. Rispetterò qualsiasi decisione verrà presa quindi, per favore, non inventatevi più bugie perché di menzogne e di cattiverie ne avete già dette troppe. Ogni mia parola viene strumentalizzata per far apparire l’opposto della realtà, solo per questo scelgo il silenzio. La mia stima e il mio rispetto nei confronti di Luigi Di Maio e di tutte le splendide persone che ogni giorno si battono per dare a questo paese un presente e un futuro migliore, non cambierà mai”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»