Elisa Isoardi assediata dalle fan di Salvini: “Ti sei montata la testa”

ROMA – Elisa Isoardi doveva aspettarselo: annunciare via social la fine della sua relazione con il vicepremier Matteo Salvini, per di più con la foto di un momento privato, la espone al tiro incrociato del web. Da una parte i sostenitori del ministro, dall’altra i suoi avversari. Per gli uni quel post su instagram fa di lei l’emblema della donna di spettacolo che non comprende il ‘fardello’ che grava sull’uomo delle istituzioni. Dall’altra quanti, pochi in verità, vedono il simbolo di una ribellione che Mariangela Bandinu sintetizza così: “Vorremmo liberarci del mostro: devi spiegarci come hai fatto”.

Leggi anche: 

Salvini-Isoardi, storia finita. Lei lo ufficializza su Instagram

Isoardi lascia Salvini, la psicologa: “Stirare camicie logora rapporto”

Il tifo sulla pagina facebook di Isoardi era cominciato con largo anticipo. Evidentemente convinta che di mostro si tratta, Virginia Doralice Pietrangeli, tre giorni fa, scriveva: “Lascialo e Scappa! Sei ancora in tempo!“. In realtà la decisione era già presa, da oltre due mesi. Ma il dato temporale non conta. La discussione si rinfocola oggi, ed è in gran parte al femminile. Gli uomini sono più tiepidi. Alberto Stocco ad esempio, chiede a Isoardi: “Ma nello specifico che te mancava? Dillo all’amici”. Per Marco Manzi, la conduttrice della ‘Prova del cuoco’ “si è semplicemente accorta che è un gran cazzaro“.

E’ tra le donne che l’alternativa “mostro/non mostro” lascia il segno. Per Annunziata Spinelli Isoardi dimostra “di avere un cervello”. Rosa Battaglini, invece, non si dà pace: “Ma come diavolo si fa a lasciare un uomo come Salvini! Non ci posso credere! Avessi io l’età giusta, non me lo lascerei scappare!” “Come no, che culo direi!”, replica con sarcasmo Alessandra Imperatrice.

In tante prendono le difese di Salvini. “Continua a sognare… il nostro capitano volerà sempre più in alto! Di Isoardi ce ne sono a centinaia”, scrive Mary Pozzo. Luciana Savona parla di una “caduta di stile, ti pensavo una donna abbastanza di classe. Invece- scrive a Isoardi- con la foto che hai postato ti sei manifestata tutt’altro. Proprio vero che le persone non si conoscono mai abbastanza. Se pensi di uscirne vincitrice ti sbagli. Sapevi che mestiere faceva il tuo uomo e pertanto, quando conclusa, dovevi finire la storia con eleganza. Mi dispiace per te”.

Anita Stizzoli dà ancora voce alle militanti di centrosinistra. “Ora speriamo che tanti Italiani seguano il tuo esempio!”, dice a Isoardi. Ma le voci a favore del ministro sono di più. Donatella Lobusto, ad esempio, vede fosco nel futuro amoroso della conduttrice. “Ti sei montata la testa pure tu. Peccato. Cadrai dalla padella alla brace“, scrive.

Considerato che si tratta della pagina facebook di Isoardi, è un fiume in piena per il ministro. “Cara Elisa proprio una delusione e poi una foto così intima… Di solito le donne innamorate sostengono il proprio uomo”, scrive Giovanna Barghini.

La delusione sconfina, travalica le pagine facebook e arriva a quella della Prova del cuoco. Adele scrive un vero e proprio manifesto del livore: “Elisa la foto che hai pubblicato su Twitter e Instagram per annunciare la fine della relazione con Salvini mi ha fatta veramente incazzare. Oltre a citare una stupida poesia di uno stupido “poeta” come Gio Evan potevi veramente evitare di postare quella foto. Ricordati che Salvini è il ministro degli Interni e vice presidente del Consiglio e merita rispetto. Non mi sei mai piaciuta e dopo questa trovata hai confermato quello che penso di te. Opportunista, falsa e sempre in cerca di visibilità. Spero proprio che il ministro non ci ripensi. Tu non lo meriti. Dovresti prendere esempio dalla sua ex Giulia Martinelli”.

Antonella Barbieri invita a parlare di ricette, come vuole lo status della pagina. “Buone le frittelle di mele, no?”. Ma tra la pagina personale e quella della trasmissione, Isoardi è sotto assedio. Jack Cucci con un filo di ironia consiglia di trovare a sinistra l’alternativa al ministro. “Mettiti con Pippo Civati“, scrive.

5 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»