Regeni, la Procura di Roma iscrive cinque 007 egiziani nel registro indagati

Si tratta di ufficiali del dipartimento Sicurezza nazionale e dell'ufficio dell'investigazione giudiziaria del Cairo

ROMA – Sono cinque le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Roma per la scomparsa e la morte di Giulio Regeni, avvenuta tra la fine di gennaio e i primi di febbraio del 2016. In particolare, si tratta di ufficiali del dipartimento Sicurezza nazionale (servizi segreti civili) e dell’ufficio dell’investigazione giudiziaria del Cairo (polizia investigativa).

Il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il sostituto Sergio Colaiocco contestano nei loro confronti il reato di concorso in sequestro di persona. Il ruolo degli indagati era stato ricostruito nell’attività di indagine di Ros e Sco.

Dalle indagini svolte dagli uomini del Ros e dello Sco era emerso il ruolo svolto dai vertici e dai funzionari dei servizi segreti egiziani nel sequestro del giovane ricercatore italiano, Giulio Regeni (il cui corpo era stato ritrovato senza vita sulla strada tra Il Cairo e Alessandria d’Egitto il 3 febbraio 2016) e in particolare del generale Sabir Tareq, dei colonnelli Usham Helmy e Ather Kamal, del maggiore Magdi Sharif e dell’agente Mhamoud Najem.

Leggi anche:

4 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»