Fico, a Reggio Calabria per lui una confezione di fichi secchi

Calabria

Fico, dalla Calabria per lui una confezione di fichi secchi

REGGIO CALABRIA – Per il suo discorso di insediamento alla Camera dei Deputati incentrato su un’anacronistica priorità antifascista il neo presidente Roberto Fico è stato destinatario di “gustosi fichi secchi“, spediti direttamente all’ufficio di presidenza di Montecitorio.

Il “cortese omaggio” è firmato Azione identitaria Calabria secondo cui l’esponente pentastellato è il personaggio politico attuale “più importante ed è quello che nell’ultimissimo periodo ha avuto una straordinaria rilevanza mediatica sia per la brillante operazione propagandistica nel farsi immortalare mentre era a bordo del bus di linea con il quale lo stesso si recava nel suo luogo di lavoro”. Accanto alle confezioni di fichi Azione identitaria Calabria ha allegato anche una breve spiegazione sul valore simbolico di questi frutti.

“I mercanti – si legge nel biglietto che accompagna il dono – solevano mettere nelle ceste la frutta migliore in evidenza e spesso erano proprio i fichi a dover attrarre i compratori e quello più bello veniva denominato ‘il meglio fico del bigoncio’, proprio come il neo presidente della Camera, che ironia della sorte porta proprio lo stesso nome del frutto, è voluto apparire all’opinione pubblica ed a tutti i cittadini nei suoi ultimi comportamenti e discorsi: dal selfie sull’autobus alle parole pronunciate al suo insediamento sullo scranno della terza carica dello Stato. Come dire ‘io sono il migliore, il meglio ‘Fico’ del Parlamento’“. E proprio “questi sforzi” hanno determinato il dono ed il relativo augurio: “se li gusti tutti i fichi secchi, Presidente, con tanti saluti identitari dalla Calabria”.

3 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»