Ecco il nuovo piano della Regione Lazio per mamma-bambino

Il Lazio è la regione con la percentuale più alta di madri sole; il 16,8% di tutti i nuclei familiari è infatti costituito da una madre sola con uno o più figli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Lazio è la regione con la percentuale più alta di madri sole; il 16,8% di tutti i nuclei familiari è infatti costituito da una madre sola con uno o più figli. Il Piano Sociale regionale- approvato il 21 febbraio con delibera 1 del 2019- va quindi incontro proprio al nucleo mamma-bambino, la realtà piu’ vulnerabile, e ha bisogno di riconoscimento e di interventi specifici. Fondamentale per il suo riconoscimento è stato l’impegno della Rete Mam&Co– alla quale aderiscono molte delle organizzazioni del progetto #CRESCEREINSIEME, che ha fra le sue priorità il rafforzamento delle Rete nel suo ruolo di advocacy e lobbying presso le Istituzioni- che negli ultimi anni ha proposto soluzioni concrete a sostegno del nucleo mamma-bambino.

Ecco le principali aree di azione del nuovo Piano Sociale

– nuove misure che affermano la peculiarità della condizione dei nuclei mamma-bambino in situazioni di rischio e di esclusione sociale, con un tavolo di consultazione con le organizzazioni di riferimento, in cui valorizzare le esperienze più innovative ed efficaci, come l’Istituto dell’affidamento del nucleo familiare a famiglie affidatarie;

– più lavoro sulla prevenzione dei rischi, sia sui percorsi per l’autonomia, attraverso interventi di conciliazione tra lavoro ed esperienze di cura, nuove soluzioni abitative, servizi di “sostegno leggero” e reti solidali, che possano agire in funzione preventiva o integrativa dell’accoglienza residenziale;

– incentivazione dello scambio di metodi e strumenti di sviluppo personale, che integrino i bisogni e le aspettative della donna con la condizione e la crescita del bambino;

– revisione delle attuali regole del sistema di accreditamento delle strutture, con previsione di sostegni finanziari coerenti con i costi del servizio per l’intero nucleo e insieme promozione e organizzazione di specifici percorsi di aggiornamento e formazione per la crescita di una comunità motivata e competente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»