Vertenza Bosch, De Santis: Regione Puglia pronta a intervenire

Vicinanza della Regione ai dipendenti dello stabilimento barese del gruppo, in sciopero contro gli esuberi (620) annunciati dall’azienda
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “La Regione Puglia è disponibile a mettere in campo tutti gli strumenti e le risorse necessarie per realizzare nuovi investimenti ma a condizione che gli esuberi siano pari a zero”. Lo ha detto il consigliere del presidente della Regione Puglia Domenico De Santis incontrando i lavoratori della Bosch di Bari-Modugno, in presidio davanti ai cancelli dello stabilimento dopo l’annuncio del taglio di 620 unità da parte della azienda.

“La Regione – ha aggiunto De Santis – ha a disposizione numerose misure per la formazione del personale e per le innovazioni produttive, che possono essere implementate con le società in house della Regione come Puglia Sviluppo e con l’intervento della task force per l’occupazione. Possiamo discuterne con azienda e sindacati l’importante è che non ci sia nessun licenziamento. A breve sarà convocato un tavolo sindacale presso Regione”.

Intanto oggi, nel corso della riunione del tavolo di crisi che si è svolto a Roma nella sede del ministero per lo Sviluppo economico, la Regione Puglia ha formalizzato la “preoccupazione e la volontà di cofinanziare con i propri strumenti di sostegno il progetto industriale di rilancio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»