VIDEO | Lisi: “Successo Dig.Eat a Roma, ora lo portiamo nelle regioni”

Intervista a Andrea Lisi, presidente di Anorc Professioni e ideatore dell'evento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Dig.Eat ha conquistato Roma, e ora si prepara a ‘invadere’ le altre regioni. E’ stato un successo l’evento al teatro Eliseo, con i 1.000 arrivati nella Capitale. Una 12a edizione, sulle note dei Pink Floyd, che si e’ concentrata sui temi piu’ attuali della digitalizzazione e della privacy, dal nuovo Regolamento Ue alla fatturazione elettronica. “Una contaminazione di stili diversi- ha raccontato, all’agenzia Dire, Andrea Lisi, presidente di Anorc Professioni e ideatore dell’evento- Dalla musica all’interpretazione di norme, fino all’arrivo del direttore del teatro, Luca Barbareschi, che ci ha stupiti perché ha dimostrato una conoscenza inaspettata di processi di digitalizzazione”.

Quindi, per tutta la giornata, “vari professionisti appartenenti ad aree diverse si sono mescolati insieme a musica e spettacolo. È l’unica formula possibile per portare 1.000 persone a parlare di argomenti così verticalizzati- ha proseguito Lisi- L’idea che ha animato il convegno è quella di portare una consapevolezza diffusa nei cittadini, le imprese, i professionisti e la Pubblica amministrazione“.

Perciò, considerando il successo del Dig.eat con questa formula “ho pensato di lanciare dei Dig.eat tematici in varie aree regionali che hanno bisogno di consapevolezza- ha annunciato l’avvocato Lisi- in modo da garantire un percorso di alfabetizzazione su tematiche che ci riguardano. Apparteniamo infatti a una società digitale ‘liquida’, che da una parte può essere una risorsa per i territori – perché il digitale può essere importante per tutti – ma dall’altra può rivelarsi uno strumento pericolosissimo. Sta a noi farlo diventare utile per la crescita del nostro sistema Paese”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»