VIDEO | Coronavirus, Federculture: “Per il fondo cultura donazioni come per l’Art bonus”

Cancellato: "Defiscalizzare la partecipazioni di istituzioni e cittadini"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La cultura e’ un settore molto importante per la vita sociale del nostro Paese ed e’ anche uno dei maggiori fattori di competitivita’. Ma spesso viene ritenuta secondaria, soprattutto quando bisogna prendere delle decisioni di carattere generale in un quadro di emergenza come quello di oggi. Si tratta di una filiera invece molto ampia e molto lunga fatta di tantissime imprese, alcune di grande rilievo nazionale, ma anche tantissime piccolissime imprese, con centinaia di migliaia di persone che lavorano attorno a questo settore. Ma in questa crisi si rischia di essere sorpassati dalla grande emergenza nazionale. E allora costruiamo un fondo nazionale per la cultura“. È questo l’appello lanciato oggi da Federculture e spiegato all’agenzia Dire dal presidente Andrea Cancellato.

Nata dalle colonne del Corriere della sera, ricorda Cancellato, la campagna “non richiama soltanto le istituzioni, ma anche i cittadini. Tutti noi godiamo del fatto di essere un Paese molto forte dal punto di vista dei beni culturali e della progettualita’ culturale. Non dimentichiamocene oggi: promuoviamo un grande fondo nazionale a favore della cultura. E chiediamo al Governo- spiega il presidente- la possibilita’ di defiscalizzare le donazioni e le partecipazioni al fondo, come bene ha fatto per esempio con l’Art bonus. Ampliamo questa possibilita’ e costruiamo questa opzione per il futuro. Poi governeremo insieme, immagino, con gli strumenti che il Governo vorra’ dare, la destinazione di queste risorse per il bene della cultura del nostro Paese”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

31 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»