fbpx

Tg Psicologia, edizione del 31 gennaio 2020

CARCERI, SIMSPE: SU 60MILA DETENUTI, 50% HA SOFFERENZA PSICHICA

In Italia “abbiamo oltre 60.000 detenuti”, e tra questi “si stima che la metà abbia una forma di sofferenza di tipo mentale. Tanto sotto il profilo del disagio, quanto sotto il profilo reale della malattia mentale”. E’ questa la panoramica dei dati sulla condizione carceraria in Italia fornita da Luciano Lucania, presidente della Simspe, che illustra cosa vivono i detenuti non appena entrati in carcere.

CIPA: DICEVA BENE SHAKESPEARE, FATTI STESSA SOSTANZA SOGNI

“Come diceva Shakespeare, siamo fatti della stessa sostanza dei sogni. Ci dicono cosa c’é dentro di noi e attraverso questo confronto e questo dialogo noi possiamo ampliare la nostra coscienza”. A parlarne è Ferdinando Testa, psicologo analista, didatta del centro italiano di Psicologia analitica (Cipa) di Catania.

SIP LAZIO: RAGAZZI NON RICONOSCONO GIOCO PATOLOGICO, CIRCA 5-6% AFFETTI

Disturbi visivi e del sonno, sbalzi d’umore, obesità, condotte delinquenziali, ansia, depressione e comportamenti eccessivi. Sono alcune delle conseguenze del gioco d’azzardo sulla salute di adolescenti e ragazzi tra i 15 e i 19 anni, che, affetti dalla febbre del ‘Gratta e vinci’ e attirati dagli schermi di videopoker e slot machine, troppo spesso “non riconoscono il problema come patologico”. A dirlo è Pietro Ferrara, presidente della Sip sezione Lazio, che entra nel merito della questione.

VIOLENZA PSICOLOGICA, GUARINO: SE NON COLTA DONNE A RISCHIO

I danni della violenza psicologica accompagnano sempre la violenza di genere, quindi, “farseli sfuggire significa esporre le donne al rischio di femminicidio”. Ad affermarlo alla Dire è Mario Guarino, dirigente responsabile di Medicina d’urgenza e Pronto Soccorso Cto di Napoli, che fa il punto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

31 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»