Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Campagna per investire lo 0,70% del Pil nella cooperazione internazionale, si parte l’1 dicembre

cooperazione-min
In occasione del lancio si terrà su Facebook il dibattito 'Il mondo ha fame. Di sviluppo'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mercoledì 1 dicembre dalle 11 alle 12.30, in diretta streaming su Facebook, si terrà il dibattito ‘Il mondo ha fame. Di sviluppo’. in occasione del lancio di una campagna promossa da Focsiv, Aoi, Cini e Link 2007, con il patrocinio di Asvis, Caritas italiana, Forum nazionale del terzo settore e Missio per chiedere al nostro Paese impegni concreti per destinare subito lo 0,70% del Pil alla cooperazione internazionale e allo sviluppo equo e sostenibile, così come sottoscritto dall’Italia 50 anni fa in sede Onu.
Negli ultimi anni, riferiscono in una nota gli organizzatori del dibattito, l’Italia ha fatto registrare una progressiva riduzione delle risorse dedicate alla cooperazione internazionale: attualmente allo 0,22% del Pil come confermano i più recenti dati Ocse, con un impegno inferiore non solamente a quello di altri Paesi con i quali ci possiamo confrontare per dimensione economica e livelli di reddito – Germania, Regno Unito, Francia e Giappone – ma anche a quello di Paesi come Olanda, Norvegia e Svezia.

La pandemia ha amplificato significativamente le disuguaglianze e le povertà nel mondo
, causate dalla recessione economica e dai cambiamenti climatici, in un crescendo di esigenze e di richieste di cooperazione e di intervento in campo sanitario, educativo, alimentare, ambientale, economico e della promozione dei diritti umani. La cooperazione internazionale può costituire un elemento essenziale di relazioni internazionali e di politiche di sviluppo, così come definita anche dalla Legge sulla Cooperazione 125/14, capaci di coinvolgere sia Istituzioni nazionali sia istituzioni e comunità locali in una risposta solidale per la giustizia sociale.

Lo stesso manifesto della campagna riporta “Non c’è più tempo: il mondo ha fame di sviluppo e di giustizia. È il momento di adottare precise scelte politiche per la costruzione di un mondo migliore, più equo, più giusto e sostenibile per tutti, in particolar modo per le popolazioni più povere e vulnerabili”.
Il primo dicembre, dopo l’introduzione di Ivana Borsotto, portavoce nazionale della Campagna 070, interverranno: monsignor Giuseppe Satriano, presidente della Fondazione Missio, Romano Prodi, già presidente della Commissione europea, Massimo Pallottino, di Caritas italiana, Marcella Mallen, presidente di ASviS – Alleanza per lo sviluppo sostenibile, Luca De Fraia, del Forum terzo settore, Raoul Tiraboschi, di Slow Food Italia. A moderare Roberto Natale, di Rai per il sociale.
I relatori e le relatrici presenteranno le finalità della Campagna, le organizzazioni coinvolte, gli strumenti a disposizione e il piano d’azione. Per partecipare: https://www.facebook.com/campagna070.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»