Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giustizia, l’ala contiana rivendica la vittoria: “Di Maio minoranza”

di maio conte
"Hanno tappezzato tutti i giornali per indebolire Conte con gli stessi retroscena, e poi smentiscono? Ridicoli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il giorno dopo l’accordo sulla riforma della giustizia si apre un nuovo caso dentro il Movimento 5 stelle: di chi è il merito dell’intesa raggiunta ieri? E’ nata una contesa tra le correnti che vogliono intestarsi la vittoria. Un modo surrettizio per pesarsi all’interno del Movimento e determinare gli equilibri futuri.

LEGGI ANCHE: Giustizia, Ilaria Cucchi attacca: “Con la riforma Cartabia non avrei mai ottenuto giustizia per Stefano”

Secondo le ricostruzioni di alcuni giornali, è stato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a convincere Giuseppe Conte ad accettare la mediazione proposta dal premier Draghi per non far saltare il governo e far precipitare il paese in una crisi al buio. Retroscena smentiti dalla Farnesina: “Nessuno scontro nè tensioni. Il ministro Di Maio ha lavorato in asse con Giuseppe Conte e ha fatto squadra con tutti i ministri M5s. Quello di ieri sulla riforma della giustizia è un risultato corale di tutto il Movimento, frutto della leadership determinante Di Giuseppe Conte”, è il comunicato dettato dallo staff di Di Maio.

LEGGI ANCHE: Giustizia, Gratteri: “Cartabia non conosce gli uffici giudiziari, è la peggiore riforma mai vista”

Ma il faro resta puntato sull’ex capo politico e la sua area di riferimento, mentre Beppe Grillo per il momento rimane sullo sfondo. Diversi parlamentari vicini a Giuseppe Conte non credono alle smentite di rito e sottolineano alla Dire la “gravità dei retroscena fuoriusciti dalla Farnesina”. Questo il ragionamento dell’ala contiana: “Hanno tappezzato tutti i giornali per indebolire Conte con gli stessi retroscena, e poi smentiscono? Ridicoli”, puntualizzano le fonti raccolte tra Camera e Senato.

Insomma, con le ultima mosse, secondo questa interpretazione, “Di Maio ha scelto di stare in minoranza nel Movimento di cui era capo politico”. Giuseppe Conte è il leader in pectore, ma la partita per stabilire chi comanda davvero nel Movimento 5 stelle sembra appena cominciata.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»