La Sardegna al centro dell’industria aerospaziale: arriva il progetto per testare i motori spaziali

Si tratta dello "Space propulsion test facility", ideato da Avio, una delle aziende più importanti nel campo della propulsione spaziale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Sardegna sempre più al centro della sperimentazione aerospaziale su scala globale. L’isola è pronta ad accogliere l’ennesimo progetto in questo settore, questa volta per “testare” i motori, anche di ultima generazione, dei vettori che andranno in orbita: si tratta dello “Space propulsion test facility”, ideato da Avio, una delle aziende più importanti nel campo della propulsione spaziale, che prevede la costruzione di una struttura per provare i motori spaziali a liquido e di un impianto per la realizzazione di componenti in carbonio, all’interno del poligono sperimentale di Quirra a Perdasdefogu, nel Sud sardegna.

L’investimento del progetto, cofinanziato dalla Regione, dal ministero per lo Sviluppo economico e da Avio, è importante: in campo oltre 30 milioni di euro. La durata dei lavori di realizzazione delle opere è di 18 mesi e nei primi tre anni è previsto l’impiego di 21 persone, che arriveranno fino a 35 unità lavorative altamente specializzate, rappresentate da ingegneri, chimici, informatici, e tecnici. L’area dove sarà realizzata l’opera ha un’estensione di circa 6,5 ettari all’interno del poligono di Quirra.

“Prende luce un progetto strategico per la Sardegna- sottolinea l’assessore al Bilancio, Giuseppe Fasolino, che oggi a Villa Devoto ha preso parte alla conferenza stampa per illustrare il progetto -costruito sulla ricerca e sull’innovazione, in grado di offrire consistenti opportunità lavorative. Abbiamo voluto investire in questa iniziativa, ad alto contenuto tecnologico, per il ruolo che la Sardegna potrà ricoprire in questo contesto a livello internazionale. Non ci sono nel mondo molti siti di questa importanza, siamo sicuri che ci saranno ricadute positive per la nostra economia e la nostra isola avrà quello che merita”.

Sottolinea il presidente del Distretto aerospaziale della sardegna, Giacomo Cao: “È un’occasione importante per la Sardegna, che diventerà un punto di riferimento mondiale della propulsione spaziale. Forse per la prima volta in modo così rilevante, è possibile evidenziare il ruolo strategico che il distretto ha svolto nell’attrazione di grandi player, come Avio, e di risorse finanziarie. Il Dass in circa cinque anni è riuscito ad attrarre più di cinquanta milioni di euro, la maggior parte finanziamenti privati”.

Prosegue il professore: “Il giro d’affari di questo comparto vale ogni anno 14 miliardi di euro, in Italia occupa 70.000 posti di lavoro diretti e circa 160.000 indiretti, d’ora in avanti anche la Sardegna ne farà parte. Tengo infine a sottolineare che il progetto presentato oggi si concretizzerà all’interno di uno dei poligoni militari dell’isola, a dimostrazione del fatto che all’interno dei poligoni si possono svolgere attività importanti sotto il profilo civile“.

Spiega Giuseppe Coccon, responsabile relazioni esterne di Avio “Questo progetto è il coronamento di un lavoro che ha coinvolto molte aree della nostra azienda, ma che non avrebbe potuto svilupparsi se non ci fosse stato un rapporto costante e proficuo con questa Regione, i territori coinvolti, la Difesa e il Dass. Noi portiamo in orbita i satelliti che anche in questo momento ci stanno permettendo di lavorare con internet, l’Italia è una delle cinque potenze mondiali che ha accesso diretto allo spazio, e la Sardegna diventerà da qui in avanti un punto strategico e nevralgico di questo business”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»