Calenda: “Pd irrecuperabile”. Zingaretti: “Ingeneroso, basta picconate”

Scontro tra Calenda e Zingaretti, con il primo che attacca: "Il Partito democratico non ha capito il messaggio del voto in Emilia-Romagna e Calabria"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo questo voto speravamo di recuperare il Pd ma temo che sia irrecuperabile. Il Partito democratico ha capito quel messaggio emiliano al contrario: dal giorno dopo i suoi leader stanno dicendo che nasce una nuova stagione di bipolarismo basato su Pd e M5S da una parte e da Lega, FI e e Fdi, dall’altra. Tradotto: populisti verso sovranisti. Tutto quello che è più lontano da ciò che serve a questo Paese”. Lo ha detto Carlo Calenda in un’intervista al ‘Corriere della Sera’.

E ancora: “Il governo è sempre più debole e la destra sempre più forte”. I democratici, ha detto ancora Calenda, “stanno certamente prendendo tutte le tematiche dei grillini. Loro sono più forti dei 5 Stelle, ma i 5 Stelle dettano l’agenda: dalla prescrizione al taglio dei parlamentari, dall’Ilva all’Alitalia, al reddito di cittadinanza. Stanno cercando di prendere voti al prezzo di diventare loro stessi grillini».

ZINGARETTI: INGENEROSO, ITALIANI STUFI DELLE PICCONATE

Sono i Cinque Stelle a dettare l’agenda al Pd, come dice Carlo Calenda? “Francamente mi sembrano giudizi un po’ ingenerosi. E lo dico per tre volte. Dire che il Pd non ha capito dopo che in Emilia e in Calabria si è confermato il primo partito, è ingeneroso. È ingeneroso. Gli italiani si sono stufati delle picconate. Gli italiani chiedono soluzioni alla politica.” Cosi’ Nicola Zingaretti ad Agora’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»