VIDEO | La pediatria italiana? “La migliore al mondo”

Non solo bambini: i medici al lavoro per favorire una longevità in pieno benessere. Parte a Bologna il Congresso nazionale della Sip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – La novità assoluta del 75esimo congresso di Pediatria, appena iniziato a Bologna, è il contatto diretto con la popolazione. “Tra le iniziative più belle e qualificanti c’è un gazebo a piazza Re Enzo dove verranno incontrati i cittadini e saranno proposte tutte le attività che la Società italiana di pediatria (Sip) fa per divulgare la cultura pediatrica”. Così Alberto Villani, presidente della Sip, presenta alla Dire la quattro giorni dedicata al mondo dell’età evolutiva.

I numeri sono alti: 2.000 pediatri attesi, oltre 150 tra sessioni, corsi, presentazione di casi clinici e non solo.

“Ripeteremo l’esperienza di ‘Pediatria futura’- spiega Villani- decine e decine di giovani pediatri molto qualificati, che hanno fatto delle ricerche bellissime e sorprendenti, esporranno i risultati dei loro studi”.

Un’iniziativa che “dà entusiasmo e prospettiva, perché la pediatria italiana è molto viva. E’ una delle migliori al mondo– conferma il presidente della Sip- forse la migliore del mondo grazie a tutte le attività che vengono fatte e ad un’accademia tra le più qualificate al mondo”.

Dal Centro Congressi di Bologna Villani lancia un messaggio: “È fondamentale far comprendere che il pediatra non è il medico che si interessa solo dei bambini o degli adolescenti. Il ruolo del pediatra è molto importante perché quello che viene fatto nelle primissime epoche della vita è determinante per lo stato di salute di un individuo per tutta la sua vita. Quindi i pediatri hanno la responsabilità non solo della salute, ma soprattutto del benessere degli individui. Lo scopo è favorire una longevità in pieno benessere. I mille giorni dopo la nascita sono importanti, o meglio dal concepimento– conclude il presidente della Sip- ma si sta sempre più avvalorando la tesi che sono molto importanti anche i mille giorni prima del concepimento”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»