‘PA in viaggio’, il 4 febbraio a Roma la presentazione del libro di Oracle e PA Social

Appuntamento il 4 febbraio a Roma al Binario F (via Marsala 29/H c/o Hub di LVenture Group e LUISS Enlabs, Stazione Termini)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Foto di Francesco Pierantoni

ROMA – Una raccolta delle esperienze di successo legate all’utilizzo del digitale nelle Pubbliche amministrazioni per raccontare come abbia trasformato profondamente la relazione tra il cittadino e gli enti. ‘PA in viaggio’ è il libro realizzato da Oracle, in collaborazione con l’Associazione PA Social, edito da Aracne, che sarà presentato il prossimo 4 febbraio a Roma presso Binario F (via Marsala 29/H c/o Hub di LVenture Group e LUISS Enlabs, Stazione Termini) a partire dalle ore 10.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’associazione PA Social e vedrà la partecipazione del presidente, Francesco Di Costanzo e di Massimo Savazzi, sales development director & experience strategist di Oracle. Sarà un’occasione di confronto anche con chi ha contribuito alla stesura del volume e per tutti quelli che lavorano nella e con la Pubblica Amministrazione. Per ulteriori info e iscrizioni: https://bit.ly/2PMAgIv

Foto di Francesco Pierantoni

La stagione delle iniziative 2020 per PA Social è già partita nelle scorse settimane: mercoledì 29 gennaio sarà la volta del “Digital Lab”, un percorso di formazione e divulgazione su brand journalism, storytelling, marketing, comunicazione e informazione pubblica, competenze digitali, realizzato in collaborazione con l’Università telematica Pegaso, che si snoda in quattro tappe partendo da Roma, passando per Milano, Napoli e Firenze. Si parte alle ore 14.30 sempre a Binario F. Tutte le informazioni su www.pasocial.info e su tutti i canali social e chat di PA Social.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»