Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Smartphone d’Oro 2021: vince l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari

smartphone d'oro premiazione
A Roma la cerimonia di premiazione della seconda edizione del premio ideato dall'associazione PA Social e dedicato alle migliori esperienze di comunicazione e informazione pubblica digitale. Di Costanzo: “Complimenti ai vincitori e a tutti i partecipanti. La comunicazione digitale è l’asse portante dei servizi al cittadino”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Cagliari a festeggiare la vittoria dello Smartphone d’Oro 2021. Alla fine di un lungo percorso di candidature e votazioni, da aprile a novembre, con il vaglio della giuria scientifica di esperti composta da importanti esponenti del mondo del giornalismo, della comunicazione, del digitale e dell’innovazione, della giuria popolare e dei soci dell’associazione PA Social, è arrivato il momento della premiazione con i riconoscimenti realizzati a Murano dal maestro Mariano Memo.

Una cerimonia di premiazione che si è svolta a Roma per l’edizione 2021 dello Smartphone d’oro, premio rivolto ai comunicatori e operatori dell’informazione pubblica digitale, nato per valorizzare le migliori esperienze del settore. Ideato e organizzato dall’associazione PA Social, la prima in Italia dedicata alla comunicazione e informazione digitale. Lo Smartphone d’Oro e i premi tematici sono stati, infatti, consegnati oggi al Salone del Commendatore del Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia della ASL Roma 1 con un evento in presenza e in diretta sui canali social dell’associazione (Facebook, LinkedIn, YouTube, Twitch).

smartphone d'oro

Assegnati anche i premi tematici: premio ‘Video più social’ all’Azienda Sanitaria Locale di Lecce; premio ‘Sanità’ all’Azienda USL di Ferrara; premio ‘Gestione emergenze ed eventi’ all’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Bari; premio ‘Cultura’ al Museo Archeologico Nazionale Jatta; premio ‘Turismo’ al Comune di Ancona; premio ‘Ambiente’ all’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli; premio ‘Servizi pubblic’i all’Agenzia Piemonte Lavoro; premio ‘Enti locali’ al Comune di Campoformido e al Comune di Figline Incisa Valdarno; premio ‘Istruzione e ricerca’ all’Università degli Studi di Camerino e all’Istituto Comprensivo Madre Teresa di Calcutta; premio ‘Speciale Yes I Code’ al Centro Nazionale Trapianti.

“Un’edizione molto partecipata e di qualità anche quest’anno – commenta Francesco Di Costanzo, presidente di PA Social – ennesimo segnale della straordinaria vitalità dei professionisti della comunicazione e informazione digitale in tutta Italia, impegnati ogni giorno e in ogni settore ad offrire aggiornamenti, servizi, dialogo, interazione. Grazie ai tanti che hanno partecipato e complimenti ai vincitori. Ma aldilà dei singoli vincitori un premio va a tutta la comunità di professionisti, enti, aziende pubbliche che anche in questi due anni di difficoltà hanno rappresentato un punto di riferimento fondamentale per tutti noi. È il momento di riconoscere il giusto ruolo a queste professionalità, cresciute con il digitale, che sono l’asse portante del servizio al cittadino”.

I 60 candidati che hanno partecipato all’edizione 2021: Azienda Sanitaria Lanciano Vasto Chieti; CONSIAG; AO San Giovanni Addolorata; Azienda Ospedaliera Papardo; Teatro La Fenice; Comune di Ancona; Azienda Ospedaliera di Perugia; ISCTI MISE Ministero dello Sviluppo Economico; Ismea ; Museo Archeologico Jatta; Centro Nazionale Trapianti; Rete Rurale Nazionale; Parco Nazionale Gran Paradiso; Comune di Perugia; Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali; Agenzia Piemonte Lavoro; Comune di Campoformido; Comune di Trieste; Comune di Gussago; Federsanità; Agenzia per la coesione territoriale; Azienda ospedaliero universitaria consorziale Policlinico di Bari; Ministero dell’Istruzione; Fondazione Sistema Toscana – Muoversi in Toscana; Istituto Comprensivo Madre Teresa di Calcutta; ITET EINAUDI; Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari; Museo Guttuso; Comune di Firenze; Istituto comprensivo D’Ovidio;  Regione Umbria; Comune Figline e Incisa Valdarno; Comune di Monreale; Regione Puglia; ULSS 6 Euganea; Istituto Istruzione Superiore Secondaria “Mario Pagano”; Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale; Scabec; IC Difesa Grande; Lean Award; Comune di Chieri; Azienda Sanitaria Locale Lecce-ASL Le; Azienda USL di Ferrara; Regione Abruzzo; Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli; Comune di Arezzo; Azienda Socio Sanitaria Territoriale Santi Paolo e Carlo; Regione del Veneto – Agenda Digitale del Veneto; Università di Camerino; Feel Florence Comune Firenze; Comune di Palermo; Fondazione ITS TAB; Regione Lazio; Azienda Usl Piacenza; Azienda Ospedaliera “SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo” di Alessandria ; Distretto del Novese; Future Food Institute; Inail; Comune di Bergamo; Regione Liguria.

La manifestazione è stata realizzata grazie ai partner L’Eco della Stampa, Hootsuite, Italiacamp, Affidaty, Alpenite, Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale e ai media partner Agenzia di stampa DIRE, Digital Media, Datamagazine.it, Nuova Comunicazione, Velocità Media, Innovazione 2020, IPresslive, Il Giornale della Protezione Civile, Dentro Magazine.

Per maggiori informazioni sul premio, sulla Giuria Scientifica, sul Comitato Organizzatore, sull’Albo d’Oro, è possibile visitare il sito www.pasocial.info e i canali social e chat di PA Social.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»