Scuola, 700 studenti a Perugia per prospettive e futuro ‘alternanza’

Presente il sottosegretario all'istruzione Salvatore Giuliano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Settecento studenti hanno invaso questa mattina il centro congressi ‘Capitini’ di Perugia in occasione dell’incontro ‘Alternanza e apprendistato – Nuove generazioni e nuovi lavori‘ organizzato da Fonarcom e Consalform con l’obiettivo di trasmettere alle nuove generazioni l’importanza della formazione durante il percorso di studi ma anche una volta entrati nel mondo del lavoro. Slogan della giornata ‘No al rancore generazionale, più dialogo nei luoghi di lavoro’.

Gli studenti hanno avuto la possibilità di ascoltare gli interventi delle istituzioni locali e nazionali, nonché degli esperti e dei rappresentanti del mondo delle imprese. Ampio spazio alle storie dei ragazzi che dai loro percorsi di alternanza e apprendistato hanno sviluppato competenze utili in ogni campo. Un modo nuovo di fare scuola che avvicina al mondo del lavoro e aiuta a costruire il proprio futuro.

Nicole ha avuto la possibilità di fare un periodo di formazione nel settore del Made in Italy. Per lei, “questa esperienza è stata utile per conoscere da vicino un’azienda. Ha fatto crescere il mio sogno per il futuro– ha aggiunto tra gli applausi dei ragazzi- e continuerò a farlo perché credo in me e nel mio percorso”.

Come lei anche Youness ha maturato un’esperienza nel settore che ama, l’informatica. “L’alternanza al CNR mi ha dato la possibilità di conoscere nuovi strumenti– ha raccontato alla platea- in futuro voglio fare l’informatico per rivoluzionare il mondo dei social. Questa esperienza mi ha aperto nuovi orizzonti per il futuro”.

Tra gli ospiti della giornata Salvatore Giuliano, sottosegretario all’Istruzione che ha annunciato le prossime azioni del Governo proprio in materia di alternanza. Strumento di formazione che resterà, come percorso di qualità, ma muterà nella forma: non più 200 ore obbligatorie nei licei che dovranno rispettare un minimo di ore in linea con i percorsi e con le realtà in cui sono inseriti.

Presenti anche le istituzioni locali con il Comune di Perugia, la Regione Umbria e l’Ufficio scolastico regionale che hanno raccontato gli impegni presi e le azioni messe in campo per promuovere uno scambio reale tra mondo delle imprese e le scuole.

SCUOLA. GIULIANO (MIUR): ALTERNANZA NON SARA’ OBBLIGATORIA PER MATURITA’

L’alternanza scuola-lavoro continuerà a esserci, ma non sarà richiesta per sostenere l’esame di maturità. Lo ha dichiarato il sottosegretario del Miur, Salvatore Giuliano, intervenuto questa mattina, a Perugia, nel corso del convengo ‘Alternanza & apprendistato’.

“Nella prossima legge di stabilità interverremo per la non obbligatorietà delle ore di alternanza per sostenere l’esame di maturità- ha spiegato il sottosegretario all’agenzia di stampa Dire- L’alternanza deve puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità e per farlo daremo agli istituti la possibilità di sviluppare competenze trasversali come soft skills”.

Infine, il messaggio per i ragazzi è un invito ad impegnarsi per il Paese, che “solo con il vostro aiuto potrà diventare migliore di quello che è”, ha concluso il sottosegretario.

SCUOLA. CAFA’ (FONARCOM): DIALOGO CON IMPRESE PER ORIENTARE I GIOVANI

“Abbiamo voluto organizzare questa giornata perché ci siamo accorti che il mondo della scuola è distante dal mondo delle imprese”. A parlare è Andrea Cafà, presidente del fondo interprofessionale FonARCom, organizzatore dell’evento ‘Alternanza & apprendistato’.

Questa mattina, a Perugia, studenti e rappresentanti del mondo delle imprese si sono incontrati per dialogare insieme e orientare i più giovani alle scelte di domani. “La strada è in salita, ma noi siamo sicuri che stare insieme e fare rete possa aiutarci a costruire un futuro e creare nuove opportunità di lavoro- ha commentato Cafà all’agenzia di stampa Dire- Giovani e adulti insieme possono migliorare il modello economico e sociale del nostro Paese”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»