Università, Harvard ancora in testa nel ranking QS. Prima in 14 discipline

Pubblicata oggi la classifica che premia le migliori università al mondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Harvard ancora al primo posto nel QS World University Rankings by Subject, pubblicata oggi dagli analisti della formazione universitaria QS Quacquarelli Symonds, e arrivata all’ottava edizione. La classifica, che premia le migliori università al mondo in 48 discipline e in cinque macro aree di studio, vede ancora una volta primeggiare l’ateneo del Massachusetts in 14 discipline.

A seguire il Massachusetts Institute of Technology (MIT), che primeggia in undici e dall’Università di Oxford, numero uno in quattro discipline. Degna di nota anche la performance da record dell’Università di Cambridge che si posiziona tra le prime dieci in 37 discipline.

Per compilare questa classifica, QS ha analizzato i corsi di laurea e post-lauream di 4.522 atenei in 75 nazioni, 198 milioni di citazioni e 22.4 milioni di research papers. Lo studio include inoltre le opinioni di 75.000 accademici internazionali e di 40.000 responsabili delle risorse umane e altre figure manageriali responsabili per le assunzioni.
Nella speciale classifica delle università con più discipline tra le prime dieci, chiudono il podio alle spalle Cambridge, Oxford (35) e la University of California, Berkeley (34) a pari merito con la stessa Harvard.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»