Magi (Omceo Roma): “Gli over 60 si vaccinino contro lo pneumococco”

Risponde cosi' il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall'agenzia Dire in merito ad uno studio pubblicato sulla rivista 'Vaccine'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A tutte le persone che hanno dai 60 anni in su consiglio di fare la vaccinazione contro lo pneumococco, perche’ purtroppo anche le super infezioni batteriche possono creare qualche problema. Un malato di polmonite ‘normale’, se viene a contatto con il Covid-19, rischia che la sua situazione diventi piu’ complessa. Quindi e’ molto importante fare una vaccinazione per evitare le polmoniti batteriche da pneumococco”. Risponde cosi’ il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall’agenzia Dire in merito ad uno studio pubblicato sulla rivista ‘Vaccine‘, secondo cui si infetta di piu’ con il Covid-19 chi non e’ vaccinato contro il virus dell’influenza o lo Pneumococco. 

“Voglio ricordare che durante la spagnola le persone non morivano per l’influenza– spiega Magi- cioe’ quel virus non faceva morire in quanto virus, ma perche’ creava delle condizioni per cui si sviluppava un’infezione batterica da pneumococco”. Le persone, insomma, morivano “per complicazioni legate all’infezione del virus della spagnola, in primis per polmonite da pneumococco“, aggiunge Magi, che conclude: “Quando e’ iniziata la pandemia ho fatto vaccinare tutta la mia famiglia contro l’influenza per proteggerla maggiormente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»