Esperti della Corea del Sud: “Nessun rischio nel rilascio delle acque di Fukushima”

Fukushima
La dose di radioattività ricevuta dai sudcoreani sarebbe 300 milioni di volte inferiore al limite di tolleranza del corpo umano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – “Dall’analisi dei dati divulgati dalle autorità giapponesi, l’impatto del rilascio di acqua radioattiva dall’impianto di Fukushima della Tokyo Electric Power Company Holdings Inc. sulla Corea del Sud è trascurabile”.

Lo ha dichiarato in un comunicato stampa la Korean Nuclear Society, respingendo le preoccupazioni manifestate dal governo sudcoreano rispetto alla decisione del Giappone di rilasciare in mare le acque contaminate.

“Anche nel caso in cui la TEPCO rilasciasse tutta l’acqua radioattiva attualmente immagazzinata in un solo anno, invece dei 30 programmati, e senza ulteriori trattamenti di filtraggio, la dose di radioattività ricevuta dai sudcoreani sarebbe 300 milioni di volte inferiore al limite di tolleranza del corpo umano”, ha aggiunto l’istituto di ricerca nel documento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»