Coronavirus, il volto del lavoro è un autista di Bologna

La Confederazione europea dei sindacati ha scelto la foto di un autista di Bologna per la campagna social sulla Giornata internazionale dei lavoratori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – I portici di Bologna che si stemperano in un riflesso sul parabrezza del bus, all’interno “lo sguardo intenso di chi trasporta persone che hanno necessità di muoversi in città nel pieno dell’emergenza sanitaria in atto”: è una delle immagini scelte quest’anno dalla Confederazione europea dei sindacati (European trade union confederation) per la campagna social sulla Giornata internazionale commemorativa dei lavoratori che ricorre ogni anno il 28 aprile. Ebbene, “testimonial simbolo del lavoro in prima linea al tempo della pandemia è un autista di Tper, ritratto alla guida dai fotografi bolognesi Gabriele Chiapparini e Camilla Marrese”, spiega l’azienda di trasporto pubblico che si complimenta con i due fotoreporter per lo “scatto molto significativo”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | FOTO | Bologna dal finestrino ai tempi del Covid-19: in viaggio sul 13 (vuoto)


giornata lavoro autista tper

Quell’immagine, colta ad una fermata del centro, “‘racconta’ in un attimo l’impegno dei tanti lavoratori che sono quotidianamente al servizio della mobilità delle persone. Poterlo rappresentare a livello europeo è per Tper e per Bologna un motivo di soddisfazione e orgoglio”, conclude la stessa Tper.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»