VIDEO | A Venezia la biblioteca mette le ruote e si sposta

Un 'bibliobus' che da settembre inizierà a fare tappa nelle varie aree del Comune di Venezia, portando libri e attività anche nei luoghi più distanti dalle biblioteche comunali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA – A partire dall’1 settembre il ‘Bibliobus’, una biblioteca su ruote, inizierà a fare tappa nelle varie aree del Comune di Venezia, portando libri e attività anche nei luoghi più distanti dalle biblioteche comunali. A presentare il progetto, oggi al parco Piraghetto di Mestre, il sindaco Luigi Brugnaro e l’assessore alla Coesione sociale Simone Venturini.

“Le tappe potranno mutare nel corso dei mesi in base alla risposta del territorio e ad eventuali richieste”, spiega Venturini ricordando l’impegno dell’amministrazione comunale nel rilancio del settore biblioteche, con l’apertura di due nuove strutture e la riqualificazione di altre, l’acquisto di nuovi libri e riviste e il progetto di raddoppio della Vez, i cui lavori dovrebbero partire nei prossimi due mesi.

“Questa città ha sempre detto di voler fare cultura, noi la facciamo con i fatti”, continua Venturini anticipando che, quando la situazione legata al covid lo consentirà, l’idea è di introdurre anche tappe all’interno delle scuole. Il ‘Bibliobus’, finanziato con fondi europei Pon Metro, ha un costo all inclusive di 90.000 euro l’anno, con un contratto di tre anni più tre che include due operatori per sei giorni a settimana.

“I parchi possono diventare anche luoghi di lettura, come abbiamo fatto anche a Forte Marghera dove abbiamo aperto una biblioteca e si può prendere un libro in prestito e andare nel parco a leggerlo. L’idea è che i bambini possano vedere qualcosa di nuovo”, interviene Brugnaro. “Sono segnali, poi misureremo il successo o l’insuccesso o quelle che sono le cose da cambiare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

26 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»