hamburger menu

FOTO | VIDEO | Strage di migranti a Crotone, cresce il bilancio delle vittime: sono oltre 50, ci sono anche bambini

Circa 40 i corpi recuperati al momento e una cinquantina i sopravvissuti

Pubblicato:26-02-2023 11:08
Ultimo aggiornamento:27-02-2023 10:55
Canale: Calabria
Autore:
migranti-crotone
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Tragedia questa mattina all’alba a Cruto, nel crotonese. Un barcone con circa 200 migranti a bordo, in arrivo da Iran, Pakistan e Afghanistan, si è spezzato in due a causa del mare mosso. La Guardia Costiera di Reggio Calabria ha inviato subito in zona due motovedette e un elicottero AW 139 dalla Base Aeromobili di Catania. Al momento sono state recuperate un totale di 80 persone vive, alcune delle quali sono riuscite a raggiungere la riva dopo il naufragio.

LEGGI ANCHE: Naufragio a Crotone, il richiamo di Mattarella: “L’Europa si assuma la responsabilità del fenomeno migratorio”

Il bilancio delle vittime non è definitivo e continua a salire con il passare delle ore, mentre i Vigili del Fuoco proseguono incessantemente le operazioni di soccorso. Al momento sono 59 i morti accertati, ma si teme arriveranno a 100. Tra loro ci sarebbero anche anche due gemellini di pochi anni e un neonato.

Le salme saranno trasferite al PalaMilone, il palazzetto dello sport di Crotone, mentre i superstiti verranno ospitati al CARA di Crotone e circa una trentina verranno trasferiti nella struttura ospedaliera.
Sempre a proposito dei soccorsi, i vigili del fuoco di comune accordo con la Capitaneria di Porto, considerando le condizioni proibitive del mare, stanno procedendo alla ricerca e recupero dei dispersi in mare con gli acqua scooter. La zona è inoltre sorvolata dall’elicottero della Guardia Costiera.

NAUFRAGIO A CROTONE, VALASTRO (CRI): CROCE ROSSA È SUL POSTO

La Croce Rossa Italiana, Comitato di Crotone, è intervenuta a Cutro (Crotone) questa mattina, allertata dalla Prefettura, con ambulanze e mezzi, oltre 20 volontari, soccorritori e logisti che stanno dando supporto per il recupero dei superstiti tra cui ci sono adulti, nuclei familiari e bambini, e per il recupero delle vittime. “È una notizia drammatica – ha commentato Rosario Valastro, Presidente della CRI – un brutto risveglio che dovrebbe destare la comunità tutta affinché simili tragedie non accadano. La CRI ha attivato inoltre il Servizio Psicosociale (SEP) e il Restoring Family Links (RFL)”.

NAUFRAGIO CROTONE, SAP: ANCORA UNA STRAGE, SCENA APOCALITTICA

“Ancora un naufragio in Calabria a poca distanza dalle coste del crotonese e purtroppo si contano già decine e decine di morti. I primi ad intervenire sono stati gli uomini delle volanti di Crotone. Di fronte ai loro occhi una scena apocalittica, frammenti di imbarcazione sbattuti dalle onde sulla spiaggia ma soprattutto decine di corpi inanimati trasportati dal mare sino a dove si infrangono le onde. Nonostante il buio e il mare in burrasca immediato è stato il tentativo di togliere i naufraghi dal mare e di portarli tutti sulla subbia nella speranza che qualcuno fosse ancora vivo. Per molti purtroppo non vi è stato nulla da fare, solo per un ragazzo pare ci siano delle speranze, anche se la situazione è apparsa subito gravissima ed è appesa ad un filo”. Così in una nota il Sindacato autonomo di Polizia – Sap.
“Anche in questa occasione- ha detto il segretario del Sap, Stefano Paoloni- gli uomini delle volanti di Crotone si sono prodigati senza risparmiare energia e temere il pericolo nel tentativo di salvare qualche vita. Una strage a cui va data non solo una risposta ma per la quale devono essere presi anche seri provvedimenti perché quanto visto oggi non accada mai più”.

MELONI: DOLORE PER VITE UMANE STRONCATE DA TRAFFICANTI UOMINI

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, esprime “il suo profondo dolore per le tante vite umane stroncate dai trafficanti di uomini. E’ criminale mettere in mare una imbarcazione lunga appena 20 metri con ben 200 persone a bordo e con previsioni meteo avverse. E’ disumano scambiare la vita di uomini, donne e bambini col prezzo del ‘biglietto’ da loro pagato nella falsa prospettiva di un viaggio sicuro. Il Governo è impegnato a impedire le partenze, e con esse il consumarsi di queste tragedie, e continuerà a farlo, anzitutto esigendo il massimo della collaborazione agli Stati di partenza e di provenienza. Si commenta da sé l’azione di chi oggi specula su questi morti, dopo aver esaltato l’illusione di una immigrazione senza regole”. Così Palazzo Chigi in una nota.

NAUGRAGIO CROTONE, PIANTEDOSI: OGNI INZIATIVA PER STOP TRAVERSATE

“Il naufragio avvenuto al largo delle coste calabresi mi addolora profondamente e ci impone innanzitutto il profondo cordoglio per le vite umane spezzate. È una tragedia immane che dimostra come sia assolutamente necessario contrastare con fermezza le filiere dell’immigrazione irregolare, in cui operano scafisti senza scrupoli che pur di arricchirsi organizzano questi viaggi improvvisati, con imbarcazioni inadeguate e in condizioni proibitive. È fondamentale proseguire in ogni possibile iniziativa per fermare le partenze e che non vengano in alcun modo incoraggiate traversate che, sfruttando il miraggio illusorio di una vita migliore, alimentano la filiera dei trafficanti e determinano sciagure come quella di oggi”. Lo dichiara il Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-02-27T10:55:00+01:00