Tg Psicologia, edizione del 26 febbraio 2021

In questa edizione del Tg Psicologia: disturbi psichiatrici e Covid; adolescenti ex malati a rischio sindrome post traumatica; gesti estremi sui social, e molto altro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID. L’ESPERTO: DISTURBI PSICHIATRICI IN UN TERZO DEI POSITIVI

Quasi un terzo delle persone positive al Covid ha sviluppato disturbi psichiatrici. A riferirlo è lo psichiatra Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di neuropsicofarmacologia. “Oltre il 30% delle persone risultate positive al virus ha avuto sintomi neuropsichiatrici- chiarisce- compresa la depressione, anche nei mesi successivi alla guarigione”. Proprio a causa degli “effetti diretti e indiretti della pandemia- spiega ancora lo psichiatra- si prevede un aumento dei casi di depressione in particolare fra giovani, donne e anziani”.

COVID. AIEOP: RIEMERSE ANSIE IN ADOLESCENTI FUORI TERAPIA ONCOLOGICA


“Dopo il lockdown, dal punto di vista psicologico clinico, abbiamo osservato come i ragazzi adolescenti fuori terapia siano stati più preoccupati e vigilanti rispetto alle sensazioni fisiche, quindi più esposti a una sindrome post traumatica da stress. La clinica, attraverso interventi psicologici più approfonditi, suggerisce che una quota di ragazzi fuori terapia da tempo abbia sentito riemergere ansie legate alla malattia, come se la pandemia fosse stata in grado di slatentizzare un evento traumatico non del tutto elaborato”. A dirlo è Marina Bertolotti, coordinatrice del gruppo di lavoro psico-sociale dell’Aieop.

GESTI ESTREMI SUI SOCIAL? PSICOLOGA: CERCANO ‘STRAORDINARIO’

Cosa spinge i ragazzi a compiere gesti estremi sui social e non solo? “Il desiderio di fare quello che altri non hanno il coraggio di fare. D’altra parte, è sempre più difficile ottenere un’approvazione grande, perché tutti fanno cose ‘straordinarie’”. A parlare è Nada Loffredi, psicoterapeuta, esperta in Sessuologia e docente alla Sapienza Università di Roma.

INTERNET. CNCM: RAGAZZI COMUNITÀ PIÙ CONTROLLATI CHE IN FAMIGLIA



“Il controllo sui ragazzi che accogliamo è molto forte e nelle nostre comunità l’utilizzo del cellulare è possibile dopo i 14 anni. Questo ci fa dire che probabilmente sono più controllati i ragazzi delle comunità rispetto a quelli che vivono in famiglia”. Gianni Fulvi, presidente del Coordinamento nazionale delle comunità per minori, sottolinea con orgoglio l’attenzione che gli operatori delle comunità riservano alle attività social e sul web dei loro ragazzi.

DALL’1 AL 5 MARZO ELEZIONI ONLINE RINNOVO CONSIGLI ENPAP



Dall’1 al 5 marzo si svolgeranno online le elezioni per il rinnovo del Consiglio di indirizzo generale e del Consiglio di amministrazione dell’Enpap per il quadriennio 2021-2025. Tancredi Di Iullo, ex presidente dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo e candidato per il ‘collegio centro’ del consiglio di indirizzo dell’Enpap, spiega che uno dei suoi obiettivi è creare degli “hub territoriali che portino la previdenza vicino agli iscritti, per far sì che oltre all’ascolto sia possibile inaugurare un vero e proprio percorso di cultura della previdenza. Il mio impegno vuole essere quello di aiutare i colleghi più giovani a iniziare a vivere la previdenza come un investimento sul futuro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»