Conte al Colle e sui social esplode #Cinedimissioni: ironia del web

cinedimissioni
Il gioco è sempre lo stesso: modificare i titoli di celebri film o citazioni cinematografiche, in maniera tale che parlino del tema al centro del dibattito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  In origine fu l’autocertificazione, poi i ‘congiunti‘, quindi il plasma. Ora a finire nel mirino degli utenti sono le dimissioni di Giuseppe Conte. Il gioco è sempre lo stesso: modificare i titoli di celebri film o citazioni cinematografiche , in maniera tale che parlino del tema al centro del dibattito. E così su Twitter #cinedimissioni diventa in breve trending topic, con una pioggia di ‘cinguettii’ ironici sulla fine del Conte Bis. C’è a chi piacciono i gangster movie e esordisce con ‘Romanzo quirinale‘ e chi punta sul romanticismo in chiave hot di ‘50 sfumature di Chigi‘. Chi tira in ballo uno dei più grandi successi di Tarantino, con ‘Bastardi senza premier‘, e a chi piacciono i classici senza tempo come ‘Coalizione da Tiffany‘ e ‘Conte suona sempre tre volte’. Per chi ha voglia di una commedia, invece, ci sono ‘Una settimana d’addio‘ e ‘7 crisi in 7 giorni‘. E come rinunciare a un bel western dal titolo ‘Dio perdona, io no’ con tanto di foto del premier a fianco di Matteo Salvini? Infine spazio alla saga nata dalla penna di J.K. Rowling con ‘Giuseppi Potter e la camera dei responsabili’.

LEGGI ANCHE: Conte al Colle e sui social esplode #Cinedimissioni: ironia del web

L’autocertificazione cambia di nuovo? Su Twitter esplode #cineautocertificazione

Il plasma scatena l’ironia dei social, esplode #cineplasma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»