Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie, Salvini: “Da gennaio 1.044 arresti, ‘ndrangheta la più pericolosa”

Nei primi sei mesi dell'anno concluse 91 importanti operazioni di polizia giudiziaria nei confronti della criminalità organizzata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo scenario attuale delle organizzazioni criminali endogene vede la ‘ndrangheta come l’organizzazione mafiosa più pericolosa e pervasiva nell’attuale contesto criminale”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante l’audizione davanti alle commissioni riunite di Camera e Senato Affari costituzionali sulle linee programmatiche del suo Dicastero.

“L’analisi dei dati investigativi- sottolinea il ministro- conferma come le mafie mirino non solo a rafforzare la loro influenza sulle aree di radicamento storico ma anche ad estendere la capacità di infiltrazione in altre aree del Paese finora immuni”. Salvini osserva che “l’approccio in termini di prevenzione e contrasto deve peraltro tenere conto delle differenze che storicamente caratterizzano cosa nostra, la camorra, la criminalità pugliese e quella di origine calabrese, tutte attive e pericolose. Nei primi sei mesi dell’anno in corso- continua- l’azione investigativa dispiegata ha permesso alle Forze di polizia di concludere 91 importanti operazioni di polizia giudiziaria nei confronti della criminalità organizzata, con l’arresto di 1.044 soggetti“.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»