VIDEO | Agricoltura multifunzionale, “E’ un volano per l’economia”

L'assessorato per l'Agricoltura della Regione Lazio e Arsial hanno promosso 'Progettare lo sviluppo. Un network per l'agricoltura multifunzionale'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’assessorato per l’Agricoltura della Regione Lazio e Arsial hanno promosso una giornata di studi, a Roma presso l’ex cartiera Latina di via Appia Antica, dal titolo ‘Progettare lo sviluppo. Un network per l’agricoltura multifunzionale’ dedicata allo scambio e alla circolazione di esperienze, con l’intento di approfondire modelli aziendali, buone pratiche di governance e strumenti a supporto delle imprese, messi in campo dai servizi agricoli delle diverse regioni.

arsial

L’espressione ‘agricoltura multifunzionale’ identifica tutte quelle realtà che alla produzione agricola uniscono la prestazione di servizi utili alla società: agriturismo e turismo rurale, educazione alimentare e ambientale, vendita in filiera corta, servizi ambientali e attività sociali.

“Oggi siamo qui- ha sottolineato Antonio Rosati, presidente di Arsial- con tutta una serie di operatori della Regione Lazio e anche di altre regioni d’Italia per cercare di arrivare a una semplificazione. L’idea è che questa rete può dare una qualità della vita migliore, ma soprattutto delle risposte occupazionali. E’ emersa una riflessione che noi cercheremo di attuare, per esempio per le attività didattiche o per le attività di operatori sociali dentro le aziende agricole. Questa è una giornata molto importante- ha concluso- perché ci stiamo preparando per dare servizi migliori alle nostre aziende, in modo che tanti giovani agricoltori possono trovare le soddisfazioni in questa molteplicità di attività”.

Soprattutto negli ultimi anni, la multifunzionalità è divenuta un elemento fondante dell’agricoltura laziale e nazionale, tanto per il gradimento dei consumatori, quanto per la quantità di aziende coinvolte, fino a distinguersi come strumento di grande utilità anche per la valorizzazione dei territori rurali. In poco più di 50 anni in Italia si è assistito a una riduzione di quasi il 66% nel numero di aziende agricole e a una contrazione della percentuale di occupati fino al 4%. A fronte della riduzione del numero di aziende agricole, però, si registra un aumento della dimensione. Meno aziende ma oggi più estese e con più servizi, perchédiversificare le fonti di reddito consente agli agricoltori di ridurre il rischio economico potendo contare su fonti alternative di entrate.

“La multifunzionalità per noi Regione Lazio, ma in generale per tutto il Paese, è quella cartina di tornasole che permette alle aziende agricole di sviluppare altri servizi oltre alla produzione primaria all’interno delle proprie realtà”, ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, Enrica Onorati.

Tante le attività possibili, ha continuato Onorati, “dalla ricettività alle fattorie didattiche passando per l’agricoltura sociale e tutto quanto quello che può essere complementare. La Regione Lazio sta accelerando sui passaggi necessari sia in termini di semplificazione normativa sia in termini di azione, in modo da permettere alle aziende di vedere riconosciuto il loro status di imprese multifunzionali. Il tutto accompagnato ad azioni di formazione, di diffusione, di divulgazione e promozione sinergica insieme alle realtà che sono già partite e alle altre che invece guardano a questa opportunità come un volano complementare alla loro azione imprenditoriale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

25 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»