Lavoro, prorogati termini per contributi ad assunzioni

TRIESTE - Su proposta dell'assessore regionale al Lavoro del Friuli Venezia Giulia,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PANARITITRIESTE – Su proposta dell’assessore regionale al Lavoro del Friuli Venezia Giulia, Loredana Panariti, la giunta regionale ha deliberato stamani la proroga di due mesi (dal 31 marzo al 31 maggio) del termine per la presentazione delle domande di contributo relative agli incentivi regionali alle assunzioni.
A tal riguardo va rilevato che l’importo complessivo delle domande, presentate alla data del 21 marzo, ammonta a circa 1 milione e 600 mila euro, su un totale disponibile di 3 milioni.

   Nel dettaglio, si fa riferimento alle forme di contribuzione previste dalle legge 18 del 2005, e in particolare a tre specifiche fattispecie: le assunzioni con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche parziale, e inserimento in qualità di soci – lavoratori in cooperative di donne disoccupate e di uomini disoccupati over 50; le assunzioni con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, anche parziale, di durata non inferiore a sei mesi di donne disoccupate che hanno compiuto il cinquantesimo anno di età e di uomini disoccupati, anche in questo caso, over 50; infine, le trasformazione di rapporti di lavoro a elevato rischio di precarizzazione in contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, riguardanti donne e uomini over 55.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»