fbpx

Tg Ambiente, edizione del 25 febbraio 2020

RIPARTE IL TRENO VERDE, IN VIAGGIO DA 17/2 A 1/4

Eventi climatici di natura estrema, per intensità e frequenza, stanno coinvolgendo anche l’Italia. Un’emergenza che porta con sé effetti sul cambiamento climatico sempre più evidenti su tutta la Penisola. Eppure ciascuno di noi, nel suo piccolo, può contribuire a contrastarli, in primis con azioni e stili di vita più ecosostenibili. Da qui parte la sfida del Treno Verde 2020, ‘Change Climate Change’, per cambiare il cambiamento climatico. Da Sud a Nord, dal 17 febbraio all’1 aprile, la storica campagna itinerante promossa da Legambiente e dal Gruppo FS Italiane, con il patrocinio del ministero dell’Ambiente, attraverserà lo Stivale per raccontare gli effetti del fenomeno ma anche le buone pratiche messe in campo per fermarlo. L’iniziativa, con partenza in Calabria e arrivo finale in Liguria, si articolerà come sempre in tappe: tredici quelle della 32esima edizione, che si propone di invertire la tendenza che ha visto, nel 2019 in Italia ben 157 eventi climatici di natura estrema a causa del clima impazzito a inizio 2020, con 6 Regioni e 88 Comuni italiani hanno dichiarato l’emergenza climatica o presentato una mozione in questo senso.

LANCIATO A MILANO ‘NO PLASTIC CHALLENGE’, IL SOCIAL GAME AMI-SOSLOG

Ridurre la plastica monouso per arrivare ad eliminarla completamente si deve e si può per Ambiente Mare Italia, associazione ambientalista che, assieme a SOSLOG-istica, ha lanciato la sfida a Milano con il progetto ‘No Plastic Challenge’ presentato il 20 febbraio nel capoluogo lombardo nel corso del concerto-evento col maestro Beppe Vessicchio ‘Un mare d’Amare’, patrocinato da Fondazione Cariplo, Commissione europea, Comune di Milano e sostenuto da Confetra. A sfidarsi nel social game finanziato da Fondazione Cariplo saranno circa 2.500 esercenti milanesi che ridurranno o elimineranno l’uso della plastica e milioni di cittadini che orienteranno più responsabilmente i loro consumi. Il dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano Bicocca si occuperà di raccogliere i dati su consumatori ed esercenti che parteciperanno al progetto e collaborerà per la realizzazione e la verifica di efficacia delle attività di gamification e delle iniziative di ‘change-making’. L’iniziativa ha trovato il sostegno di alcune delle più importanti realtà del settore logistico ed è in linea con le politiche su clima e svolta verde delle istituzioni europee.

386 TERRENI A GIOVANI, BELLANOVA: È SOLO L’INIZIO

Trecentottantasei terreni per oltre diecimila ettari pronti per essere venduti all’asta in Italia, le manifestazioni d’interesse possono essere inviate fino al 19 aprile con una corsia preferenziale che prevede mutui trentennali al 100% e sostegni dedicati per gli imprenditori agricoli sotto i 41 anni. Si tratta di appezzamenti parte del patrimonio della Banca Nazionale delle terre agricole, nata con la Finanziaria del 2016 per assegnare terreni pubblici lasciati in stato di abbandono. I terreni sono ubicati in prevalenza nelle regioni meridionali, con Sicilia, Basilicata e Puglia che da sole coprono oltre la metà delle superfici disponibili. Il tutto è possibile grazie al terzo bando Ismea che ha lo scopo di favorire il ricambio generazionale nei campi. Sul sito Ismea le modalità di presentazione online delle offerte per i terreni. Un’operazione che “ha un impatto importante”, commenta la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova a margine della presentazione del progetto al MAXXI di Roma, “questo è per noi un inizio perché voglio invitare con forza tutte le istituzioni, a partire dai Comuni, a fare l’anagrafe delle loro terre incolte perché dobbiamo avviare in questo Paese una nuova riforma fondiaria”.

70 TONNELLATE RIFIUTI, DISCARICA ABUSIVA IN PARCO GARGANO

Rifiuti da demolizione come materiale ferroso, bidoni in plastica, piastrelle, mattoni e addirittura anche amianto friabile, misti a terreno da scavo, provenienti da cantieri edili della Provincia di Foggia. 70 tonnellate di rifiuti speciali anche pericolosi scaricati su 11mila metri quadri in un’area protetta del Parco Nazionale del Gargano. Li hanno scoperti i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari, insieme ai colleghi del Nucleo Investigativo di Foggia, indagando sul quadruplice omicidio di San Marco in Lamis del 2017. A inquinare il parco era un’organizzazione criminale dedita al traffico illecito di rifiuti speciali pericolosi e no, che ne riceveva quotidianamente grossi quantitativi da cantieri edili tramite ‘micro conferitori’. 118mila euro circa il danno in termini di spesa per il ripristino dello stato dei luoghi. Sei gli imprenditori edili finiti in carcere, imprenditori che sulla discarica illegale volevano costruire un Bed&Breakfast.

100 FIRME E 50 TESTATE A FESTIVAL ECOGIORNALISMO

Una tre giorni tutta green per dare voce e visibilità all’informazione ambientale, ai nuovi scenari e alle sfide emergenti coinvolgendo protagonisti del mondo dei media, delle istituzioni, dell’economia e della ricerca. È l’obiettivo del primo Festival del giornalismo ambientale che si svolge da venerdi’ 6 a domenica 8 marzo al MAXXI di Roma su iniziativa del ministero dell’Ambiente e dell’ENEA, con ISPRA e FIMA, la Federazione italiana dei media ambientali. Oltre 100 tra giornalisti di oltre 50 testate di carta stampata, radio, tv e web, divulgatori ed esperti si confronteranno su opportunità e criticità, nuovi strumenti e percorsi, attraverso dibattiti, interventi in stile TED, servizi giornalistici, dialoghi e documentari.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

25 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»