Salvini e Di Maio contro Ue: “Pronti a tagliare 20 miliardi”

Salvini: ""Riguardo la Diciotti ono disponibile a farmi interrogare anche domani mattina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per quel che mi riguarda non sbarca più nessuno. L’Italia ha già dato”. Così il ministro Matteo Salvini a Zapping su Radio 1, riguardo i 150 migranti della nave Diciotti bloccati da giorni  sull’imbarcazione nel porto di Catania. “Se i governi precedenti erano abituati a pagare, tacere, ingoiare, problemi loro”, attacca. Il contributo di 20 miliardi che l’Italia versa al bilancio europeo “possiamo diminuirlo in quota parte per quel che l’Italia non fa o per quel che danneggia l’Italia. E non parlo solo di immigrazione ma anche per quel che riguarda l’agricoltura e le banche”.

Sulla stessa linea anche il vicepremier Luigi Di Maio, che su Facebook scrive: “Il MoVimento 5 Stelle si è presentato agli italiani con una missione ben precisa e non abbiamo alcuna intenzione di fare passi indietro. L’unione Europea non vuole ottemperare ai principi concordarti nell’ultimo consiglio europeo? Noi siamo pronti a tagliare i fondi che diamo all’Unione Europea”. “Vogliono 20 miliardi dei cittadini italiani? Dimostrino di meritarseli e si prendano carico di un problema che non possiamo più affrontare da soli. I confini dell’Italia sono i confini dell’Europa. Agli italiani non chiederemo un centesimo di più. Lo dico da capo politico del Movimento 5 Stelle, visto che la Ue non rispetta i patti e non adempie ai suoi doveri, noi come forza politica non siamo più disposti a dargli i 20 miliardi all’anno che pretendono”, conclude.

SALVINI: “NON GUERRA A UE, FACCIAMO VALERE INTERESSI ITALIA”

“Non è una guerra” con l’Europa ma “torniamo a far valere i diritti e gli interessi italiani”.

SALVINI: “UE SORDA SU SOLIDARIETÀ, REATTIVA SOLO SUI SOLDI”

“Oggi l’Europa ha dato l’ennesima dimostrazione di un organismo astratto che esiste sulla carta. A Bruxelles sono reattivi solo quando ci sono in ballo interessi economici, quando si parla di condivisione, di diritti e di solidarietà sono sordi”.

SALVINI: “IDENTIFICAZIONE PROFUGHI PRIMA CHE SBARCHINO”

Sto valutando di introdurre procedure di identificazione e riconoscimento dei migranti, per capire se sono profughi veri o falsi, prima ancora che sbarchino”.

SALVINI: “MAGISTRATI INTERROGHINO ME, ANCHE DOMANI”

Il procuratore di Agrigento Patronaggio “interrogasse me, non andasse a interrogare i funzionari del Viminale che svolgono le direttive che il responsabile, cioè io, do. Se il magistrato vuole capire qualcosa gli consiglio di parlare con il Capo”, spiega Salvini a Zapping su Radio 1. “Siccome c’è questo presunto sequestratore, torturatore che per qualcuno sarei io, sono disponibile a farmi interrogare anche domani mattina“, conclude.

SALVINI: “È NORMALE CHE MICCICHÈ ABBIA IL TEMPO DI INSULTARMI?”

“Che il presidente dell’assemblea siciliana Miccichè abbia il tempo di darmi dello ‘stronzo’ è normale?”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»