VIDEO | Artigiani degli impianti, il futuro è da ‘tuttofare’ hi tech

Battipaglia (Cna): "Devono avere competenze di financial-managing"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – L’impiantistica edilizia italiana per il (suo) futuro deve pensare a convergere le singole competenze artigiane in un unico attore trasversale, “che cura il sistema di energizzazione all’interno di edifici e all’interno di più stabili”. Una convergenza che “porterà a una spinta della nostra economia ma anche della nostra cultura energetica, facendoci allineare con i nostri competitor europei”. Parola di Carmine Battipaglia, presidente Cna Installazione impianti, intervistato a margine della presentazione del quinto ‘Rapporto congiunturale e previsionale della istallazione degli impianti’ per il biennio 2019-2021, illustrata all’Uni (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) di Milano.

Per Battipaglia infatti “non si parla più di impianti” ma di “infrastrutture” che devono gestire sì acqua e calore, “ma anche energia e comunicazione“, aggiunge il presidente di Cna Installazione impianti. Il condominio infatti per Battipaglia “sta diventando sempre di più un’azienda” e si sta andando verso “una figura di ‘operatore di condominio’- specifica- che dovrà gestire l’intera energizzazione”.

cna_artigianiSi sta parlando insomma di figure che “devono un po’ dimenticare il mondo del piccolo artigiano e abbracciare competenze come la gestione del financial, del managing e dei sistemi operativi che oggi la tecnologia mette in campo”, ma soprattutto in grado di cambiare la cultura energetica per essere molto più vicini ai consumatori. Sì, perché secondo Battipaglia il consumatore attualmente “è ancora diffidente, anche per delle brutte esperienze che ad esempio il fotovoltaico ha portato con sé”, ammette. Per questo c’è bisogno, a detta del numero uno di Cna

Impianti, di “una sensibilizzazione da parte degli organi di stampa e delle associazioni nel migliorare il rapporto con queste nuove tecnologie perché- chiude- solo attraverso una accurata gestione di tale tecnologie possiamo utilizzare la nostra casa e il nostro edificio come un contenitore profittevole”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»