Coronavirus, Bertolaso è positivo: “Qualche linea di febbre ma sto bene”

L'ex capo della protezione civile Guido Bertolaso lo annuncia sul suo profilo Facebook
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono positivo al Covid-19”. Ecco l’annuncio shock del superconsulente della Regione Lombardia ed ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, tramite il proprio profilo Facebook.

“Quando ho accettato questo incarico sapevo quali fossero i rischi a cui andavo incontro, ma non potevo non rispondere alla chiamata per il mio Paese”, scrive, ammettendo di avere “qualche linea di febbre, nessun altro sintomo al momento”, e specificando come “sia io che i miei collaboratori piu’ stretti siamo in isolamento e rispetteremo il periodo di quarantena”.

Dopodiche’ “continuero’ a seguire i lavori dell’ospedale Fiera, coordinero’ i lavori nelle Marche e vincero’ anche questa battaglia”, chiosa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Arcuri: “Serve rivoluzione nel sistema sanitario, per le mascherine è guerra commerciale”

PRESIDENTE MARCHE: PRONTO A QUARANTENA

“Sto aspettando la comunicazione ufficiale ma la quarantena credo sia inevitabile”. Cosi’ alla Dire il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che ieri ha trascorso la mattinata ad Ancona con l’ex Capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, per dei sopralluoghi su alcune aree idonee ad ospitare l’ospedale d’emergenza con 100 posti letto di terapia intensiva da destinare all’emergenza Coronavirus.

“La notizia si e’ appena saputa- premette Ceriscioli-. Immagino che ora Bertolaso comunichera’ tutti i contatti avuti negli ultimi giorni alle strutture sanitarie che a quel punto mi contatteranno formalmente per chiedermi di mettermi in isolamento fiduciario domiciliare a scopo precauzionale. Io ora sono in ufficio in Regione e da quando ho appreso la notizia di Bertolaso ho evitato ogni contatto. Appena possibile mi rechero’ a casa e iniziero’ ad organizzarmi in modalita’ smart working. Da questo punto di vista penso di poter continuare a lavorare senza particolari problemi. Mi sistemero’ nella stanza di mio figlio”.

Il governatore marchigiano scherza e non appare preoccupato. “Mi sento bene, non ho sintomi come tosse o febbre- continua Ceriscioli-. Ieri avevamo le mascherine e rispettavamo le distanze. Sono tranquillo. Ma credo che la quarantena sia inevitabile”.

FONTANA: BERTOLASO DA REMOTO, SE NO FIERA RALLENTA

“Il dottor Bertolaso sta bene, dovremo cercare di capire se la sua volonta’ di lavorare da remoto sia realizzabile o se dovra’ essere sostituito, nel qual caso c’e’ il rischio di qualche rallentamento perche’ lui aveva in mano tutta l’evoluzione”. Lo afferma il presidente lombardo Attilio Fontana, che conferma alla stampa la positivita’ riscontrata al superconsulente regionale ed ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso, ‘ingaggiato’ da Palazzo Lombardia per dirigere i lavori per la realizzazione dell’ospedale in Fiera.

Un progetto che ora, a quanto pare, rischia di rallentare. “L’ho sentito al telefono pochi minuti prima del suo avviso su Facebook”, spiega Fontana, che poi illustra quale sia la procedura per chi e’ entrato in contatto con Bertolaso (“io l’ho visto domenica per due minuti e non siamo neanche stati vicini, dunque non torno in quarantena”).

Ad ogni modo, come evidenzia il governatore, “seguiremo la procedura che e’ sempre la stessa”, ossia “isolamento a casa per i contatti stretti del contagiato, mentre chi deve svolgere servizi essenziali continua a lavorare con dispositivi protettivi e poi la sera si isola, ma soltanto in caso di sintomi viene sottoposto a tampone”.

BERLUSCONI: BERTOLASO COMPETENTE ANCHE A DISTANZA

“Ho chiamato Guido Bertolaso per esprimere il mio rammarico dopo avere appreso che e’ risultato positivo al Coronavirus. Sono sicuro che anche a distanza Guido sapra’ coordinare e completare l’ospedale alla Fiera di Milano perche’ era gia’ riuscito con competenza e bravura ad avviare i lavori”. Lo dice Silvio Berlusconi, presidente di Fi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»