hamburger menu

Tg Politico Parlamentare, edizione del 24 gennaio 2022

In questa edizione parliamo di: schede bianche nel primo giorno di votazioni al Quirinale, Salvini al centro delle trattive per l'elezione del Presidente della Repubblica, contagi in calo e nuove regole, l'appello del Papa a ritrovare la capacità di ascolto

24/01/2022
tg pol 24 genn

QUIRINALE, SCHEDE BIANCHE PER LA PRIMA GIORNATA DI VOTAZIONI

Dominano le schede bianche nel primo giorno di votazioni alla Camera dei deputati per il Presidente della Repubblica. In attesa che si definiscano le trattative tra i partiti, i gruppi parlamentari hanno rinunciato ad esprimere una preferenza. Un segnale di apertura al confronto che si tiene a margine delle elezioni. I 1008 grandi elettori hanno votato divisi in gruppi di 50, ognuno inserito in una precisa fascia oraria. Al voto anche una quindicina di parlamentari positivi, che hanno raggiunto Roma in auto private e hanno potuto votare in un apposito seggio, allestito nel parcheggio di Montecitorio. Il primo ad arrivare e’ stato l’ex governatore della Sardegna Ugo Cappellacci. In aula, il primo a votare è stato il fondatore della Lega Umberto Bossi. Quindi i senatori a vita. Liliana Segre non ha assecondato la scelta della scheda bianca. “A me non piace, io oggi voto”, ha detto Segre.

SALVINI AL CENTRO DELLE TRATTATIVE

Matteo Salvini al centro della partita del Quirinale. Il leader della Lega ha visto il presidente del consiglio Mario Draghi e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Quindi ha fissato confronti con Enrico Letta e Giuseppe Conte. La partecipazione del Carroccio al governo e’ il nodo da sciogliere per sbloccare il voto per il Colle. Mario Draghi e’ ancora considerato il candidato piu’ forte ma ritorna con insistenza l’ipotesi del Mattarella bis, soluzione in grado di congelare la legislatura ed anche il governo. In Parlamento c’e’ apprensione per la fine anticipata della legislatura. In molti sono convinti che Draghi debba restare a Palazzo Chigi per scongiurare la crisi di governo.

CONTAGI IN CALO, GOVERNO STUDIA NUOVE REGOLE

La fase più acuta della contagiosità da Omicron potrebbe essere superata ma per vederne gli effetti bisognerà aspettare qualche settimana. La curva ha invertito la tendenza, con una lieve riduzione anche dei ricoveri in terapia intensiva. Restano alti i decessi. Da oggi si tingono di arancione Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Piemonte mentre Puglia e Sardegna, sono passate in giallo. Il governo pensa a nuove regole per semplificare la vita ai cittadini e dare fiato all’economia. La vaccinazione della fascia pediatrica raggiunge un milione di iniezioni e si studia una riduzione delle quarantene a scuola. Per il Green pass al vaglio l’estensione della validità per chi ha raggiunto le tre dosi. Su spinta delle Regioni infine potrebbe essere rivisto il sistema dei colori e l’obbligo di tampone alle frontiere.

APPELLO DEL PAPA: RITROVARE LA CAPACITÀ DI ASCOLTO

Bisogna ritrovare la capacità di ascoltare gli altri. Il Papa, nel messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, che si celebra il 29 maggio, denuncia che “stiamo perdendo la capacità di ascoltare chi abbiamo di fronte, sia nella trama normale dei rapporti quotidiani, sia nei dibattiti sui più importanti argomenti del vivere civile”. Per Francesco “c’è una sordità interiore, peggiore di quella fisica” e così “il rifiuto di ascoltare finisce spesso per diventare aggressività verso l’altro”. Insomma “non basta ascoltare, bisogna farlo bene” perché “l’ascolto è una dimensione dell’amore”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-24T17:41:12+02:00