Napoli, morto per coronavirus il sindaco di Melito Antonio Amente

Il primo cittadino si e' contagiato, con molta probabilita', proprio al Comune
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – È deceduto, dopo il ricovero in ospedale per l’aggravarsi delle condizioni di salute dovute al covid-19, il sindaco di Melito, nel napoletano, Antonio Amente.

Nato nella stessa Melito il 22 giugno del 1951, dove ha più volte ricoperto la carica di sindaco, l’ultima elezione nel 2017, Amente lascia la moglie e due figli. Il primo cittadino si è contagiato, con molta probabilità, proprio al Comune, dove sono risultati positivi diversi consiglieri e alcuni membri della giunta.

ASSESSORE MOTTOLA: “FINO A IERI CONDIZIONI STABILI”

“Il sindaco ci ha lasciati. Era stato ricoverato 15 giorni fa dopo essere stato contagiato dal Covid. Fino a ieri sera era in condizioni stabili, che non facevano assolutamente presagire un tracollo che invece c’é stato suppongo nella notte”. Con voce commossa, l’assessore comunale Luciano Mottola conferma alla Dire il decesso, avvenuto nella notte, del sindaco di Melito (Na), Antonio Amente. “Purtroppo ho poche informazioni. Non so dire se sia stato contagiato in ambiente comunale. Io stesso – sottolinea Mottola – sono a casa da 28 giorni in quarantena e sto aspettando l’esito del tampone. Una serie di amministratori risultano contagiati. Il sindaco era una persona molto attiva, era un medico di base quindi non ha mai limitato i contatti con la gente dato che il suo lavoro non glielo consentiva. Una persona – conclude l’assessore – che amava stare tra la gente per contribuire con il proprio aiuto e lo ha dimostrato durante la prima pandemia”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»