fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 23 ottobre 2020

CONTE RESISTE, DE LUCA: LA CAMPANIA CHIUDE

Il Governo cerca in ogni modo di evitare la chiusura totale dell’attività in Italia, ma la situazione dei contagi in alcune Regioni allarma a tal punto che dalla Campania, il governatore Enzo De Luca, mette l’acceleratore. “Serve un lockdown totale- tuona il presidente della Regione- E’ indispensabile bloccare la mobilita’ tra Regioni e quella tra Comuni. La Campania si muovera’ in questa direzione a brevissimo”. Per De Luca vanno mantenute esclusivamente le attività essenziali: industria, agricoltura, edilizia, agro-alimentare, trasporti. Dal canto suo il premier Giusppe Conte ribadisce la linea di una ‘serrata’ piu’ morbida. “Dobbiamo scongiurare un lockdown generalizzato- ha ripetuto- scuole e posti di lavoro devono restare aperti”. E in cento, tra professori e scienziati, scrivono al premier e al presidente Mattarella per chiedere subito misure drastiche al fine di contenere l’impennata dei contagi.

ZINGARETTI AL GOVERNO: ORA CAMBI PASSO

Il governo deve cambiare passo. A chiederlo il segretario del Pd Nicola Zingaretti, che invita il presidente del consiglio Giuseppe Conte a presentare un piano dettagliato per la nuova sanita’ italiana. Zingaretti ribadisce la necessita’ di ricorrere al fondo europeo di stabilita’, il Mes. In caso contrario bisogna dire qual e’ l’alternativa per mettere la sanita’ italiana al passo con la sfida del coronavirus. Il leader democratico chiede inoltre alla maggioranza di avere una visione comune, anche sulle candidature per le prossime comunali nelle grandi citta’. “Nessun verticismo, apertura al territorio”, sono le parole d’ordine dei Democratici.

COMUNI IN ROSSO, FICO: BISOGNA AIUTARLI

Si aggrava la situazione dei Comuni: problemi finanziari strutturali si sommano ora al crollo delle entrate dovuto all’emergenza innescata dal covid. Lo scorso anno sono 81 i Comuni che hanno registrato squilibri, 34 dei quali hanno dichiarato dissesto. Complessivamente il passivo supera il miliardo di euro. I più colpiti sono i bilanci dei sindaci del Mezzogiorno. Il ragioniere generale dello Stato, Biagio Mazzotta, intervenuto alla presentazione del Rapporto Ca’ Foscari, annuncia nuovi fondi in manovra per sostenere le spese comunali. Il numero uno delle Province, Michele De Pascale, chiede una accelerazione sulla riforma degli enti locali, mentre il presidente della Camera, Roberto Fico, auspica “norme ad hoc” e “un grande investimento” per supportare le città.

LANDINI: LA SCUOLA A DISTANZA NON RISOLVE

La scuola deve restare aperta. E’ l’appello della Cgil che di fronte alla situazione critica dei contagi sottolinea come non debba passare “l’idea che bisogna chiudere le scuole”. Inoltre sottolinea Maurizio Landini “non e’ con il semplice ricorso alla didattica a distanza che si risolvono i problemi”. Landini ricorda che nel lockdown le lezioni a distanza hanno fatto emergere le tante disuguaglianze territoriali e sociali. “Non abbiamo un sistema di connessione internet uniforme”, attacca il sindacalista che chiede infine di mettere fine alla precarietà nel settore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

23 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»